Annuale della Polizia Penitenziaria. LiSiAPP al fianco del Sappe: "Noi non ci saremo"

Le O.S. degli agenti: "Protestiamo contro un'amministrazione assente e una politica asfittica". Contro la carenza di personale e mezzi proclamato stato di agitazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Le O.S. degli agenti: "Protestiamo contro un'amministrazione assente e una politica asfittica". Contro la carenza di personale e mezzi proclamato stato di agitazione.

Martedì mattina si svolgerà la festa regionale del corpo di polizia penitenziaria al carcere della Dozza, ma il Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria (LiSiAPP) insieme al Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe) non ci saranno. Le organizzazioni sindacali , "in linea con quanto già avvenuto a Roma alla festa nazionale" protestano "contro un'amministrazione assente e una politica asfittica che non fa nulla nell'immediato per migliorare le condizioni delle carceri e della polizia penitenziaria".

Il LiSiAPP e il Sappe - hanno reso noto rispettivamente il segretario generale dr. Mirko Manna ,e il Segr. Gen. agg. Giovanni Battista Durante - ha indetto anche lo stato di agitazione in Emilia-Romagna e martedì, dalle 10 alle 13, manifesteràanno con i propri iscritti provenienti da tutta la regione davanti al carcere bolognese della Dozza, dove verrà anche distribuito un volantino. 

Le sigle sindacali intendono denunciare alle autorità presenti "la grave carenza di personale (mancano sempre 6.500 agenti a livello nazionale e 650 in Emilia-Romagna), il sovraffollamento della popolazione detenuta (in Italia ci sono 25.000 detenuti in più rispetto ai posti previsti, in Emilia Romagna circa 2mila in più), la carenza di mezzi e di risorse economiche per le traduzioni".

Infine conclude il Segretario Generale Manna - lo stesso programma sarà attuato anche per le altre regioni in ambito degli annuali del corpo, perche siamo certi che non ci sia nulla da festeggiare.

Torna su
BolognaToday è in caricamento