'Face to Face': Medici Senza Frontiere cerca dialogatori a Bologna

I dialogatori MSF lavorano presso le vie e le piazze o in occasione di eventi in città. Illustrano le attività e propongono alle persone che incontrano di sostenere il lavoro quotidiano degli operatori umanitari

Medici Senza Frontiere cerca 'dialogatori e dialogatrici' per le attività del Progetto FACE TO FACE anche a Bologna, oltre che a Roma e Milano. Figure motivate, con attitudini commerciali per reclutare nuovi sostenitori e raggiungere importanti traguardi per sé e per il prossimo.

I dialogatori di Medici Senza Frontiere lavorano presso le vie e le piazze (o anche in occasione di grandi e piccoli eventi in altre città d'Italia). Illustrano le attività dell'organizzazione e propongono alle persone che incontrano di sostenere il lavoro quotidiano degli operatori umanitari con una donazione regolare (domiciliazione bancaria/postale o carta di credito regolare), invitandoli a diventare Sostenitori Senza Frontiere. MSF offrono anche un percorso di formazione sulle attività di soccorso medico e sulla modalità di raccolta fondi. I dialogatori avranno la possibilità di incontrare gli operatori umanitari e ascoltare i racconti delle loro esperienze sul campo. 

Nel corso dell’attività saranno affiancati dal team leader che sarà il loro riferimento; riceveranno periodicamente materiale informativo sulle attività di MSF e potranno partecipare a percorsi di aggiornamento sui progetti di Medici Senza Frontiere e sulle tecniche di fundraising. I dialogatori avranno la possibilità di incontrare gli operatori umanitari di MSF e di ascoltare i racconti delle loro esperienze sul campo.

Requisiti: spiccato orientamento al raggiungimento di obiettivi; forte interesse a lavorare in ambito raccolta fondi; ottime doti comunicative;     flessibilità; capacità di lavoro in team; motivazione ai temi di MSFdisponibilità di 20 ore settimanali; disponibilità a trasferte; domicilio nella città di lavoro o zone limitrofe.

Medici Senza Frontiere (MSF) è la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo creata da medici e giornalisti in Francia nel 1971.
Oggi fornisce soccorso umanitario in più di 60 paesi a popolazioni la cui sopravvivenza è minacciata da violenze o catastrofi dovute principalmente a guerre, epidemie, malnutrizione, esclusione dall’assistenza sanitaria o catastrofi naturali. MSF fornisce assistenza indipendente e imparziale a coloro che si trovano in condizioni di maggiore bisogno. MSF si riserva il diritto di denunciare all’opinione pubblica le crisi dimenticate, di contrastare inadeguatezze o abusi nel sistema degli aiuti e di sostenere pubblicamente una migliore qualità delle cure e dei protocolli medici. Nel 1999 MSF ha ricevuto il premio Nobel per la Pace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • "Appropriazione indebita": sequestrati 100 immobili a Bologna

  • Grande Fratello Vip, la confessione di Andrea Montovoli: "Sono stato in carcere"

Torna su
BolognaToday è in caricamento