'Face to Face': Medici Senza Frontiere cerca dialogatori a Bologna

I dialogatori MSF lavorano presso le vie e le piazze o in occasione di eventi in città. Illustrano le attività e propongono alle persone che incontrano di sostenere il lavoro quotidiano degli operatori umanitari

Medici Senza Frontiere cerca 'dialogatori e dialogatrici' per le attività del Progetto FACE TO FACE anche a Bologna, oltre che a Roma e Milano. Figure motivate, con attitudini commerciali per reclutare nuovi sostenitori e raggiungere importanti traguardi per sé e per il prossimo.

I dialogatori di Medici Senza Frontiere lavorano presso le vie e le piazze (o anche in occasione di grandi e piccoli eventi in altre città d'Italia). Illustrano le attività dell'organizzazione e propongono alle persone che incontrano di sostenere il lavoro quotidiano degli operatori umanitari con una donazione regolare (domiciliazione bancaria/postale o carta di credito regolare), invitandoli a diventare Sostenitori Senza Frontiere. MSF offrono anche un percorso di formazione sulle attività di soccorso medico e sulla modalità di raccolta fondi. I dialogatori avranno la possibilità di incontrare gli operatori umanitari e ascoltare i racconti delle loro esperienze sul campo. 

Nel corso dell’attività saranno affiancati dal team leader che sarà il loro riferimento; riceveranno periodicamente materiale informativo sulle attività di MSF e potranno partecipare a percorsi di aggiornamento sui progetti di Medici Senza Frontiere e sulle tecniche di fundraising. I dialogatori avranno la possibilità di incontrare gli operatori umanitari di MSF e di ascoltare i racconti delle loro esperienze sul campo.

Requisiti: spiccato orientamento al raggiungimento di obiettivi; forte interesse a lavorare in ambito raccolta fondi; ottime doti comunicative;     flessibilità; capacità di lavoro in team; motivazione ai temi di MSFdisponibilità di 20 ore settimanali; disponibilità a trasferte; domicilio nella città di lavoro o zone limitrofe.

Medici Senza Frontiere (MSF) è la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo creata da medici e giornalisti in Francia nel 1971.
Oggi fornisce soccorso umanitario in più di 60 paesi a popolazioni la cui sopravvivenza è minacciata da violenze o catastrofi dovute principalmente a guerre, epidemie, malnutrizione, esclusione dall’assistenza sanitaria o catastrofi naturali. MSF fornisce assistenza indipendente e imparziale a coloro che si trovano in condizioni di maggiore bisogno. MSF si riserva il diritto di denunciare all’opinione pubblica le crisi dimenticate, di contrastare inadeguatezze o abusi nel sistema degli aiuti e di sostenere pubblicamente una migliore qualità delle cure e dei protocolli medici. Nel 1999 MSF ha ricevuto il premio Nobel per la Pace.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

  • Frecce Tricolori a Bologna: lo spettacolo il 29 maggio

Torna su
BolognaToday è in caricamento