Cannabis legale, il primo servizio di consegna a domicilio: "Funziona come con il cibo"

L'idea del 25enne Simone Santirocco: "Si ordina sul sito, si indica l'indirizzo e si paga alla consegna o in digitale. Soddisfatto della partenza, presto altri riders"

Cannabis legale

Due fenomeni che stanno vivendo una vertiginosa crescita messi insieme per un nuovo servizio attivo in città: il delivery (per i meno anglofoni molto banalmente la "consegna a domicilio") e la coltivazione e la vendita della canapa. La diffusione del primo è evidente dal numero di ciclofattorini in pettorina che si vedono sfrecciare sulle nostre strade, quella del secondo dai nuovi negozi specializzati in cannabis light (i terreni coltivati a canapa dal 2013 al 2018 sono aumentati di dieci volte). 

L'idea è di Simone Santirocco: «Consegne in 30 minuti, entro 5 km dalle mura»

L'idea è venuta a Simone Santirocco, 25enne marchigiano di nascita e bolognese di adozione, che ha creato il primo delivery dell'erba legale a Bologna: «E' un servizio che garantisce la consegna in trenta minuti tutti i giorni dalle 12 alle 24 con i prodotti dei migliori negozi della città direttamente a casa. Il mio progetto si chiama Jointoyou e in pratica funziona come i servizi delivery per il food».

Dove si ordina, come si paga e quanto costa? «Abbiamo un sito visualizzabile sia da pc che da smartphone nel quale si entra, si digita l'indirizzo e la città, poi si ha accesso alla "vetrina" dei prodotti con i rispettivi negozi di riferimento, si sceglie e si procede con l'ordine. Il pagamento può essere effettuato in contanti alla consegna oppure attraverso PayPal. Il costo del servizio è di 2 euro e la spesa minima è di 20 euro». 

A Bologna il canapa store dove si acquista in bitcoins

Con che mezzo avviene la consegna? «Per il momento le consegne le faccio io con la mia mountain-bike: il servizio è attivo da un mesetto e sono soddisfatto dei risultati. Presto probabilmente mi svilupperò con altri mezzi e dei riders. La consegna avviene in centro storico ed entro cinque chilometri fuori dalle mura». 

Come ti è venuta l'idea? «Diaciamo che ho sempre avuto una passione per la canapa e per i suoi mille utilizzi, da quello tessile a quello alimentare. Ho deciso così di investire in questo settore in netto sviluppo così come è consentito dalla legge italiana»

Cannabis in tabaccheria. Multa a San Donato 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento