Covid-19, progetto di Telemedicina a Monterenzio: "Monitorati a casa per un anno per capire come si sviluppa ed evolve la malattia e la relazione con l'ambiente"

Il sindaco Ivan Mantovani: "E' stato avviato dall'Università di Modena e Reggio Emilia. Determinati cittadini saranno seguiti da un team di specialisti, e quotidianamente dovranno fornire dati e rispondere a delle domande"

Il kit fornito dall'Università di Modena e Reggio Emilia

Comprendere lo sviluppo e l'evoluzione del Covid-19 nei casi sospetti o infetti in isolamento nella propria abitazione, studiare la relazione tra numero di contagi e territorio analizzando clima, qualità dell'ambiente e mobilità dei residenti, e come si sentiranno a lungo termine le persone guarite che hanno contratto il Coronavirus i tre punti cardine del progetto di 'telemedicina' che prende il via a Monterenzio: unico comune nel Bolognese al centro dell'attenzione dell'UniMORe-Università di Modena e Reggio Emilia, che ha dato via allo studio.

Nel territorio infatti, nonostante il forte pendolarismo e la vicinanza con comuni che hanno riscontrato un numero elevato di contagi da quando è scoppiata la pandemia, le persone che hanno contratto il Coronavirus al momento sono ancora un numero molto basso. E così una lista con una ventina di nominativi, che comprendono persone in isolamento fiduciario, sospetti o possibili infetti, e i riferimenti di chi è rientrato dall'estero e deve trascorrere per sicurezza un periodo a casa, è stata fornita all'UniMoRe.

Ricercatori e universitari per un anno contatteranno quotidianamente queste persone chiedendo di rispondere a specifiche domande, monitorando autonomamente alcuni parametri e compilando un questionario già in loro possesso.

"UniMoRe  ha fornito a circa 20 nostri concittadini un kit specifico che comprende un termometro, un saturimetro, una mascherina, un gel a base alcolica e un modulo - spiega a BolognaToday il sindaco di Monterenzio, Ivan Mantovani -  Siamo molto contenti che Monterenzio sia uno dei Comuni al centro di questo progetto innovativo che permetterà di capire e studiare la malattia. E' fondamentale per capire anche la relazione con l'ambiente, e le possibile dinamiche che possono accelerare o diminuire lo sviluppo dell'infezione in un territorio. Ovviamente l'Ausl monitora le persone, e continuerà a farlo. Questo progetto è una cosa in più, per capire anche se dopo la guarigione ci possano essere dei sintomi riconducibili ancora al Covid-19 - incalza -  Lo studio parte domani (oggi, ndr) e durerà 365 giorni. A entrare in campo è un team di professionisti, e credo che per le persone colpite dalla malattia, sapere di essere seguite in questo modo anche da casa, è sicuramente è un aiuto psicologico in più".

Le persone dovranno comunicare con ricercatori, medici e  universitari principalmente con il cellulare, ma in caso di problemi potranno essere utilizzati anche altri dispositivi. Il progetto infatti, punta sulla telemedicina anche per evitare che ad esempio i pazienti si spostino per capire cosa fare in caso in cui la proprie condizioni peggiorassero , o se non sono guariti del tutto, così come comprendere se chi viene colpito dal Covid-19 possa sviluppare una correlazione con malattie reumatiche , o di altra tipologia, e studiare come il territorio impatti sull'incidenza dei contagi. 

Il progetto, partito da Modena, è stato esteso all'Emilia Romagna per studiare soprattutto lo sviluppo della malattia in chi la contrae ma non necessita di ricoveri ospedalieri, e al momento Monterenzio è l'unico Comune nel Bolognese sotto la lente d'ingrandimento di UniMORe.

Il kit fornito da UniMORe:

kit monterenzio-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 23 aprile, Venturi: "Ancora una significativa diminuizione dei casi attivi"

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 23 aprile: a Imola zero positività e decessi

Coronavirus, siglata ordinanza: Medicina si riallinea al resto del territorio e via a nuove misure in tutta la Regione

Coronavirus, Hera studia acque di scarico con l'Istituto Superiore di Sanità

Coronavirus, Ausl: "26 deceduti nella casa di riposo, 7 tamponi positivi"

Coronavirus, Emilia-Romagna a sportivi: "Ancora 10 giorni di pazienza, a maggio sport all'aperto"

Coronavirus, bar e ristoranti: "Riapertura? Sarà come un lungo agosto"

Oltre l'emergenza: il sindaco nomina esperti per "ripensare Bologna" 

Fase 2, ripartenza imprese: la proposta della Regione al Governo

Cosa ci lascerà questa quarantena? La lezione dei bambini | VIDEO

Coronavirus, ecco il piano della Regione per le residenze anziani e contagi domestici

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento