Covid fase 2, Venturi: "Ospedali solo per emergenze vere e malattie gravi"

Per l'ex commissario, l'emergenza sanitaria è un'occasione per il cambiamento e per "riprogettare la sanità", nei prossimi cinque anni

"La fase 2 non è piu' semplice,è un'altra fase" secondo l'ex commissario per l'emergenza Sergio Venturi che torna in diretta, in altre vesti, con il deputato dem Andrea Rossi.

"Se non avessimo avuto Codogno a 16 chilometri- dice in un passaggio Venturi- sarebbe andata come in Veneto, il nostro Vo' Euganeo ce l'abbiamo avuto, è stata Medicina". Durante la fase acuta dell'emergenza, sottolinea, la "nostra forza è stata che nel territorio non ci si è disuniti. All'inizio pur non avendo dispositivi di protezione, i medici hanno cercato di gestire al meglio la cosa. Questa lezione deve servirci a tornare su tutto quello che abbiamo costruito in questi decenni. Dobbiamo ricostruire, riorganizzare, perchè anche i cittadini ci chiedono cose diverse. Oggi ci chiedono se è proprio necessario andare in ospedale per una prestazione e noi dobbiamo dare una risposta positiva tutte le volte che si può. Dobbiamo rinforzare ancora di più il territorio, tendendo l'ospedale per le emergenze vere e le malattie gravi".

Quindi l'emergenza covid come un'occasione per il cambiamento e per "riprogettare la sanità", nei prossimi cinque anni "bisogna essere entusiasti per quello che c'è davanti". 

Anche se oggi in Emilia-Romagna si può eseguire il test seriologico, per Venturi "oggi dice il giusto. Da privato per me non ne vale la pena. Serve sul piano statisico, ma se uno sta bene non vedo di cosa si deve preoccupare", a meno che non si tratti di un congiunto di qualcuno che ha avuto la malattia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'ex commissario è un "controsenso, un paradosso inaccettabile" la quarantena in blocco delle società di serie A in caso di positività. "Apriamo le palestre, apriamo le piscine, e trovo sia giusto riaprire", rileva Venturi, nel 'talk' con il deputato Rossi. E invece, tra i professionisti, "consapevoli di ciò che affrontano", di fronte ad un solo positivo "viene cancellata una intera comunità di 40 persone? Siamo di fronte al solito catastrofismo di qualcuno, ma c'è un limite a tutto". Per Venturi in questo caso "abbiamo qualcuno da cui copiare, basta prendere il protocollo della Germania e credo che i nostri scienziati del comitato tecnico scientifico si possano convincere". (dire)

Leggi anche:

Fase 2, come siamo arrivati fin qui? Bologna nell'Inferno del Coronavirus | VIDEO

Fase 2, si entra nel vivo. Cosa cambia da oggi e quali i divieti che invece restano ancora in vigore

Riaperture bar, ristoranti e pub dal 18 maggio: "Ecco come siamo organizzati"

Come si reinventano i centri estivi? Attività all'aria aperta e fasce orarie

Accordo Governo-Regioni: sì alle riaperture il 18 maggio, dal 3 giugno via agli spostamenti 

Rirendono messe e celebrazioni: mascherine e volontari in campo. Le linee guida dell'Arcidiocesi di Bologna

Coronavirus, l'assessore Donini: "Tamponi a ogni ricoverato"

Coronavirus, l'Unipol Arena si trasforma: 100mila test sierologici e tamponi al mese

Covid-19 fase due, cosa cambia negli ospedali: "Check point, sale d'attesa vuote, distanze e teleconsulti"

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento