Partono ad Argelato i “progetti del cuore”

All’Arca della Misericordia sarà dato un mezzo attrezzato per il trasporto delle persone diversamente abili.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Partono ad Argelato i “Progetti del Cuore”, per garantire il servizio di trasporto sociale gratuito, ai cittadini diversamente abili del nostro comune. Sul territorio verrà presto fornito un mezzo in comodato d’uso gratuito per una durata di due anni, durante i quali il servizio sarà garantito e gestito in maniera integrale: dall’allestimento del mezzo per il trasporto disabili, alla gestione delle spese (come ad esempio l’assicurazione compresa di copertura casco). A ricevere l’automezzo sarà l’Arca della Misericordia che avrà presto a disposizione un Fiat Doblò attrezzato per il trasporto dei cittadini diversamente abili e in stato di necessità. “Il mezzo di trasporto per disabili sarà utilizzato nella struttura di Casadio Argelato - specifica la Presidente Roberta Brasa – e sarà necessario per trasportare i nostro ammalati nelle varie cliniche, ospedali, ambulatori e centri di riabilitazione. La nostra utenza è formata da persone con situazioni molto delicate, che arrivano con particolari patologie: una signora, ad esempio, aveva subìto un difficilissimo intervento al cuore e l’abbiamo portata in cardiologia, un’altra con una cirrosi epatica all’ultimo stadio, che stiamo cercando di curare, l’abbiamo portata in ospedale; poi ci sono persone seguite dai servizi sociali, che accompagnamo dove è necessario. Ci capita di trasportare anche dei bambini, quando sono ospiti delle nostre strutture: adesso, ad esempio, abbiamo due ragazze nigeriane che partoriranno nel prossimo mese di marzo e quindi saranno accompagnate negli ospedali e seguite. La Casa di Casadio non è comoda ai mezzi pubblici, quindi senza questo mezzo di trasporto attrezzato noi siamo assolutamente isolati. Quando mi si è presentata l’occasione di poter disporre di questo veicolo non ci ho pensato due volte: per noi è fondamentale e per questo colgo l’occasione per ringraziare le attività che aderiranno all’iniziativa, visto che i nostri attuali mezzi sono davvero sfruttati e logorati. Insomma, per noi è davvero un sogno”. A sostenere il progetto anche Annalisa Minetti, che presenta l’iniziativa nell’ambito dei “Progetti del Cuore”: “La mia esperienza personale mi ha resa particolarmente sensibile a tutte le iniziative con cui si cerca di migliorare la vita dei cittadini diversamente abili, al punto di avermi guidato verso i “Progetti del Cuore” come quello che si sta portando avanti ad Argelato: la vocazione di questa iniziativa è di contribuire a risolvere il problema, sempre più stringente per l’Amministrazione pubblica e per le associazioni di volontariato, della destinazione di fondi per l’acquisto di mezzi da trasformare e adibire al trasporto dei cittadini con disabilità o ridotta capacità motoria”. Sarà proprio grazie alla partecipazione della attività locali che potrà essere garantita l’esistenza di questo un servizio, che corrisponde ad una necessità imprescindibile sul territorio. Le aziende potranno trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto di questo nobile servizio, ricevendo in cambio un sicuro riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti di Utilità Sociale” si occuperà di informare i titolari della attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.

Torna su
BolognaToday è in caricamento