Pesce d'aprile: gli scherzi più incredibili di sempre

E poi il perchè della nascita di questa stramba usanza e come è giunta in Italia. Ecco alcune curiosità da scoprire sul 'pesce d'aprile'

A chi non è mai capitato di ritrovarsi appiccicato un bigliettino con la scritta "pesce d'aprile"? Oppure di restare vittima di uno scherzo goliardico  e sentirsi canzonare: "Ci sei cascato, pesce di aprile"?

Ebbene ci siamo, oggi è il gorno in cui guardarsi alle spalle! E magari anche di sciogliere qualche interrogativo circa questa antichissima tradizione.

1° aprile, gli scherzi più celebri

Indimenticato lo scherzo del 1972: venne annunciato il decesso del mostro di Loch Ness. Molti quotidiani diffusero la notizia del ritrovamento del corpo dell'animale, salvo poi scoprire che si trattava della carcassa di un elefante marino gettato nel lago per scherzo.

Epocale, senza dubbio, anche il 'pesce d'aprile' del 1938 di Orson Welles: annunciò l'invasione degli alieni al programma radiofonico "La guerra dei mondi". Essendo la radio uno dei mass media più importanti, la notizia fu presa per buona e il centralino della polizia fu tempestato di chiamate. Il giorno dopo lo scrittore ammise la burla, ma alcune città americane subirono ingenti danni, specie i supermercati che furono letteralmente presi di assalto. Ad onor del vero occorre precisare che questo scherzo, come chiarì Welles, era stato programmato per il 1 aprile, ma a causa di un guasto tecnico fu possibile realizzarlo solamente qualche mese dopo.

2. Il perchè del "pesce di aprile"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • Ozzano, maxi rissa davanti a locale: spunta un coltello, quattro feriti

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento