16 anni, amore per il pc e un'idea: "Così ho creato qualcosa di utile per gli studenti come me"

Giovani & web. Dalla sua cameretta, Federico ha sviluppato un'idea di business

Ha 16 anni, studia al Copernico e ha avuto un'idea che è riuscito a mettere in pratica in pochissimo tempo, grazie alle sue competenze informatiche: da liceale (e quindi vicino al mercato delle lezioni private) ha pensato di creare una piattaforma che sia in grado di mettere in relazione docenti e studenti che offrono e cercano ripetizioni. 

Federico lo specifica subito: «Io personalmente non ho bisogno di ripetizioni, vado bene a scuola, ma ho pensato che un sito come questo potesse essere utile a tanti studenti che cercano una persona competente in una una o più materie, in una precisa città e in un determinato momento. La pensata del sito Tutorising.com l'ho fatta a gennaio, parlando con mio zio...ho subito comprato il dominio e costruito il sito. In una settimana scarsa ho raccolto oltre sessanta iscrizioni e ho destato l'interesse di una pagina Facebook importante...». 

Il mestiere del personal shopper: 'Non è un lusso per pochi'

E come funziona ? 

«In questa fase i docenti effettuano una registrazione che include una descrizione delle proprie competenze e il loro livello. Gli studenti fanno una ricerca incrociando città e materia (il respiro è nazionale ma per il momento voglio concentrarmi su Bologna) e ne risultano le figure richieste, fra cui si sceglie. C'è un indirizzo email del professore che quindi viene contattato in via privata. Il resto, compresa la transazione, avviene fra loro».

La storia di Paolo: "Cambio vita, da colletto bianco a coltivatore"

Hai detto "in questa fase": la piattaforma è dunque in via di perfezionamento...quali i tuoi obiettivi?

«Sì, ci sono tante integrazioni che vorrei apportare. In particolar modo vorrei sviluppare una chat interna al sito che consenta alle parti di dialogare fra loro restando nella piattaforma. Ci sto lavorando. Mi piacerebbe anche che in futuro si potesse fare la transazione di denaro direttamente dal sito e che gli studenti potessero recensire (ma anche il contrario) i loro insegnanti». 

Come pensi di poter monetizzare? Cosa ti aspetti in termini di adesioni?

«Non mi piace l'idea di vendere spazi pubblicitari sul sito per cui immagino che a un certo punto potrò chiedere solo ai docenti che si propongono e che quindi hanno una vetrina e della visibilità, di pagare una piccola quota di registrazione. Prima però voglio raggiungere i 1.000 iscritti...poi si vedrà»

Cosa hanno detto i tuoi genitori di questo tuo progetto?

«Non ne sono ancora a conoscenza...probabilmente lo sapranno leggendo questa intervista...». 

Cosa vuoi fare da grande? Hai un "mito"?

«Intanto penso alla facoltà che sceglierò: sarà immagino Scianza dei Computer. Più che un mito è una persona fonte d’ispirazione. Si tratta di Elon Musk (Tesla ndr), perché può controllare il futuro del nostro pianeta»

Inventarsi un mestiere, Michela e i suoi fiori giganti

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Segreti e benefici del Tai Chi Chuan

  • Obesità infantile: come aiutare i vostri figli a mangiare meglio

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

  • Interporto, scuoiano una pecora nel parcheggio: tre denunciati

Torna su
BolognaToday è in caricamento