Rianimazione cardio-polmonare: in via Rizzoli 100 operatori a disposizione dei cittadini

Basta presentarsi allo stand dell’Azienda Usl di Bologna, in Piazza Re Enzo, per partecipare alle prove di rianimazione

Foto archivio

Sabato 19 ottobre 100 operatori del sistema 118  saranno a disposizione dei cittadini che vorranno imparare come si interviene per salvare una vita in caso di arresto cardiaco. È il cuore dell’evento Viva! a Bologna in via Rizzoli, dalle 9 alle 16, a conclusione di VIVA!, settimana nazionale della rianimazione cardiopolmonare promossa da IRC, Italian Resuscitation Council.

Ma VIVA! è cominciata già da qualche settimana, con l’avvio dei corsi per soccorritore riservati ai docenti delle scuole di Bologna e Provincia. Un’adesione straordinaria tanto che saranno quasi 300 gli insegnanti che il 19 mattina ultimeranno, in via Rizzoli, la fase di addestramento con l’apprendimento della parte pratica.  Alle 12 inoltre, IRC donerà un defibrillatore all'Istituto Comprensivo di Sasso Marconi.

L'evento

Per partecipare alle prove di rianimazione cardiopolmonare organizzate in via Rizzoli sotto le Due Torri per la giornata del 19, è sufficiente presentarsi allo stand dell’Azienda Usl di Bologna, in Piazza Re Enzo. Chi vorrà proseguire, successivamente, la propria formazione di soccorritore troverà presso lo stand tutte le informazioni per iscriversi al corso di primo soccorso più vicino al proprio domicilio.

La diffusione della conoscenza delle manovre rianimatorie cardiopolmonari elementari è riconosciuta, sempre di più, come un elemento essenziale per aumentare le possibilità di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco. Manovre elementari, che possono salvare una vita e che chiunque, anche senza una preparazione sanitaria professionale, può eseguire.

Queste manovre, praticate tempestivamente prima dell’arrivo dei soccorsi, e la presenza di defibrillatori, anticipano i tempi di intervento, dimezzandoli rispetto a quelli garantiti dalla rete del 118, e triplicano le possibilità di sopravvivenza di chi è colpito da arresto cardiaco. In Italia ciò avviene solo nel 15% dei casi, a fronte di percentuali intorno al 50% nei paesi scandinavi.

Nella provincia di Bologna sono all’incirca un migliaio, ogni anno, le persone colpite da arresto cardiaco. Solo il 22% sopravvive, nonostante il tempestivo intervento del 118, garantito entro 10 minuti dalla chiamata alla Centrale Operativa. Quello che è certo, però, è che nelle 195 volte in cui è stato possibile intervenire subito con la rianimazione cardio polmonare anticipando il 118, nel 43% dei casi (83 persone) la circolazione del sangue è stata ripristinata in maniera spontanea, e nel 52% dei casi la persona ha ripreso una buona funzionalità cerebrale.

Presso lo stand

Presso lo stand inoltre verranno illustrate le funzionalità di DAE RespondER , l’App che attiva i soccorsi DAE RespondER è la prima APP in Italia completamente integrata con la Centrale Operativa 118, per allertare i soccorritori volontari in caso di potenziali arresti cardiaci.

1.171 i cittadini in provincia che si sono registrati nel primo anno dal lancio della APP (600 solo a Bologna), 4.658 in Regione. Nella provincia di Bologna sono 98 i cittadini che, allertati dalla APP, si sono resi disponibili ad intervenire in casi di arresto cardiaco avvenuti in luoghi pubblici (310 in Regione). Nel 50% dei casi i volontari hanno raggiunto effettivamente il luogo dell’evento. Nel 70% di questi, il loro arrivo precede quello dei mezzi di soccorso 118, e possono così anticipare le manovre rianimatorie a tutto vantaggio del paziente.

Premiata dalla School of Management del Politecnico di Milano, DAE RespondER, sviluppata grazie ad un contributo della Fondazione del Monte, censisce, inoltre, la rete dei defibrillatori semiautomatici, fornendo informazioni utili al reperimento, come ad esempio gli orari di disponibilità, e quindi all’utilizzo.

Nel corso della giornata, presso lo stand dell’Azienda Usl di Bologna, sarà possibile partecipare anche all’esperienza di rianimazione di un paziente in realtà virtuale, con l’esecuzione di manovre salvavita. Grazie ad un caschetto di realtà virtuale, ci si potrà calare in tre situazioni tipo: arresto cardiaco in un adulto in un ambiente extraospedaliero, arresto cardiaco in un adulto in un ambiente intraospedaliero e arresto cardiaco pediatrico a scuola. VR CPR, il progetto di rianimazione virtuale, è realizzato da Italian Resuscitation Council e finanziato da Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lungo inseguimento in tangenziale e poi l'arresto: in auto la prova del furto

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento