Parola all'avvocato

Parola all'avvocato

Smartphone: in arrivo la sim “salva minori”

All’esame della commissione trasporti della Camera la proposta di legge che prevede la commercializzazione di sim card telefoniche “blindate”

Dallo scorso 10 luglio è all’esame della commissione trasporti della Camera la proposta di legge che prevede la commercializzazione di sim card telefoniche “blindate” destinate ai minori per un utilizzo più sicuro di tablet e telefoni cellulari.

La proposta, consistente in cinque articoli, si prefigge l’obiettivo di valorizzare gli strumenti di comunicazione digitale in quanto stimoli ed opportunità e limitare invece i rischi nei quali i giovanissimi potrebbero incorrere avendo accesso illimitato al mondo del web.

I dispositivi in questione infatti, come si legge nella premessa al disegno di legge “non sono paragonabili a giocattoli e, senza le dovute attenzioni, rischiano di diventare pericolosi strumenti di alienazione, emarginazione, violenza e distorsione cognitiva. In molti casi, anche senza giungere a taluni fenomeni più gravi, il rischio concreto e quotidiano per i minori è quello di imbattersi in applicazioni e contenuti a loro non adatti”. Giudicate quindi insufficienti quindi le misure già adottate ed adottabili da parte delle compagnie telefoniche.

Smartphone ai minori, arriva la sim 'blindata': il disegno di legge

Sim dedicata ai minori. L’art. 1 prevede che tutti gli operatori di telefonia mobile e comunicazione elettronica saranno tenuti a predisporre e a introdurre in commercio una SIM card, dedicata esclusivamente agli utenti minorenni, la cui installazione nel dispositivo elettronico inibisca l’accesso a siti web, applicazioni e contenuti per adulti. Tale utenza sarà intestata al minore ed al genitore o colui che esercita la potestà genitoriale o la tutela, sino al compimento del diciottesimo anno di età. Al raggiungimento della maggiore età il giovane potrà chiedere la rimozione dei limiti.

Incentivi economici per i fornitori. Agli operatori dei servizi al dettaglio di telefonia e comunicazione elettronica a fronte di ciascuna utenza e scheda elettronica attivata sarà riconosciuto un credito di imposta pari al 20 per cento del valore di vendita a esse connesso, fino a un ammontare complessivo pari a 250.000 euro per l’anno 2019 e a 1.050.000 euro annui a decorrere dall’anno 2020.

Incentivi per le famiglie. Le spese sostenute per l’attivazione di schede elettroniche saranno deducibili, ma ai fini della deducibilità potrà essere intestata una sola sim a ciascun minore.

Conversione delle schede già attive. Sarà possibile il passaggio dalle sim tradizionali a quelle di cui al testo in commento.

Decorrenza. Dal 1 settembre 2019.

Una presa di coscienza molto importante che potrebbe portare, ove il testo dovesse essere approvato, all'entrata in campo di uno strumento concreto per limitare i rischi contingenti dell’utilizzo illimitato di smartphone e web. La sensazione però è che si tratti di una goccia nel mare se non affiancata da una efficace educazione ad un corretto e consapevole uso delle nuove tecnologie.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento