Casa-museo di Lucio Dalla, cade il vincolo sui beni del cantautore

Il consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar: ora i beni potranno anche essere venduti

Colpo di scena sulla vicenda dell'eredità di Lucio Dalla. I beni contenuti nella casa del cantautore non sono più oggetto di vincolo da parte del Mibact. Una sentenza del consgilio di Stato ha infatti ribaltato il verdetto del Tar, dopo un ricorso presentato dagli eredi.

Lucio Dalla, all'asta le case di via D'Azeglio e di Milo in Sicilia: al via la Fondazione

Nella sentenza, in sintesi, si specifica che il vincolo è stato troppo generico, su tutti i beni, indistintamente. Alcuini degli eredi quindi si vedono restituire nei fatti la possibilità di usufruire dei beni contenuti nella casa studio, che fino a ora era rimasta intonsa. Anche se ora per tutelare parte del patrimonio di Dalla è stata creata una fondazione apposita le incognite si concentrano sulla volontà degli eredi di disporee dei beni contenuti, tra cui quadri, strumenti musicali, premi alla carriera e anche una corposa collezione di carillon.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Digitale terrestre, cambia tutto: modi e tempi per adeguarsi

  • Casa, in centro ormai solo affitti brevi: crescono prezzi e compravendite

  • Come decorare giardini e balconi in stile natalizio

  • Come decorare casa a Natale: 5 idee facili e veloci

  • Acquisto case: a Bologna erogati mutui per 323,7 milioni di euro

  • Case: Bologna sul podio per le compravendite

Torna su
BolognaToday è in caricamento