Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maturità con mascherina e plexiglass: "Non c'è stata la notte prima degli esami" VIDEO

Abbiamo seguito i primi esami al Liceo Scientifico Augusto Righi di Bologna

 

Nessun toto tracce, prove scritte abolite e colloquio orale con mascherina e plexiglass. È la Maturità 2020, stravolta dall'emergenza sanitaria, al via oggi in tutte le scuole italiane. In presenza: due metri di distanza tra studenti e commissari ma comunque un ritorno tra i banchi di scuola, almeno per l'ultima volta.

A Bologna e provincia sono più di 7mila i maturandi e le facce alla fine dell'esame sono le stesse di sempre: distese e sorridenti. Abbiamo seguito i primi esami al Liceo Righi di bologna, dove, come negli altri istituti, si svolge un colloquio alla volta, con entrata e uscita separate. Sul retro amici e parenti aspettano i candidati e cominciano i festeggiamenti.

"Tutto sommato è andato tutto bene – dice Jacopo – bisogna stare dentro con la mascherina e tutti i professori sono disposti a ferro di cavallo. È mancato il pre-maturità – continua – è mancata tutta la parte sociale, la preparazione con gli amici, insomma quello che si vede nel film 'Notte prima degli esami' quest'anno non c'è stato".

"Un esame molto particolare ma i professori sono riusciti a mettermi a mio agio senza nessun problema – racconta Davide – è stata una maturità tranquilla, me l'aspettavo più angosciante ma alla fine non è stato così. Per fortuna. Ho portato un elaborato di matematica e fisica, è andata benissimo, però in futuro vorrei fare l'opposto e studiare cinema".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento