Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Piazza Verdi, musica e canti per il sindaco di Riace / VIDEO

Una ballata per il sindaco calabrese che accoglie i migranti, da oggi agli arresti domiciliari per 'favoreggiamento dell'immigrazione clandestina' e 'fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti'

 

L'iniziativa, dal basso, spontanea, ha riunito artisti, musicisti e cittadini. 'Una ballata per Mimmo Lucano", questo il titolo dell'evento promosso dal quartetto canoro ‘Agrimanto’ e che su Facebook ha da subito raccolto decine di adesioni.

"Ci troviamo alle ore 19.30 in Largo Respighi per cantare la nostra solidarietà a Mimmo Lucano. Coro teatrale sulla "Ballata per Riace" di Giovanna Marini.

"Colpendo lui, si cerca di arrestare un’idea di convivenza, un’idea di società di pace. Per questo vogliamo mobilitarci ora, subito. Per portare a Mimmo la nostra solidarietà - scrivono gli organizzatori su Facebook, - per fargli sentire che non è solo, per guardarci e riconoscerci in strada nel momento in cui le istituzioni usano tutte le loro forze per stroncare un’esperienza che ha mostrato come si possa davvero costruire un altro mondo.

Riace era disabitata, oggi vive in un incontro di culture e persone di diversa provenienza. Riace ha dato uno schiaffo a chi ha dipinto il fenomeno migratorio come un problema, come una paura. Riace, nel suo piccolo borgo, ha dimostrato a tutt@ che la realtà è in mano nostra e che non c’è nulla di già scritto.

L’accusa avanzata contro il sindaco Mimmo Lucano è quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, un reato legato alla condizione di esseri umani dichiarati fuori legge solo per la mancanza di un foglio, di un timbro. Lo stato, oggi, fa la guerra al sindaco di un piccolo paese calabro perché ha cercato di aiutare degli esseri umani, perché ha deciso di rimboccarsi le maniche e lavorare davvero per costruire un mondo diverso.

Scendiamo in piazza, quindi, perché abbiamo imparato da Mimmo che l’indignazione non basta, la speranza non serve: bisogna conoscere e impegnare mente e corpo in prima persona." 

 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento