Sgombero a Villa Adelante: resistenza occupanti, viali in tilt

Sequestro preventivo su richiesta del PM. La Digos è entrata nella villa dopo aver aspettato che fosse terminato il presidio del collettivo che da ieri aveva avviato delle 'colazioni' anti-sgombero. Tafferugli con la polizia, occupato il viale

Foto Labàs

Sgombero a Villa Adelante, l'immobile occupato in viale Aldini 116 dal collettivo Labas. La Digos e il Reparto mobile della Questura di Bologna stanno dando esecuzione al sequestro preventivo dello stabile abbandonato, sulla base di un provvedimento firmato dal gip Alberto Ziroldi su richiesta del pm Antonello Gustapane. La Digos è entrata nella villa alle 11, dopo aver aspettato che fosse terminato il presidio del collettivo che da ieri aveva avviato delle ''colazioni'' anti-sgombero dalle 6.30 del mattino. 

Gli occupanti che hanno resistito per ore sul tetto sono scesi alle 18 circa: "Ora ci muoviamo verso il comune per fare una grande assemblea pubblica". Ma hanno trovato le porte sbarrate: "Non lasceremo soli chi da oggi non ha più una casa, ma organizzaremo un'assistenza degna, quella che le istituzioni non garantisce da tempo. Rilanciamo una grande assemblea pubblica per la prossima settimana in cui discutere in tanti e diversi di come continuare questa battaglia. Se chi si intasca milioni di euro in appalti truccati pensa di poter stare tranquillo si sbaglia di grosso!"

Caricati dalla polizia, i militanti hanno occupato viale Aldini, mandando in sofferenza la circolazione: "Qui si continua a resistere! La proprietà dell'immobile è pluri indagata per appalti truccati e turbativa d'asta ma la polizia difende la ‪‎mafiacapitale‬ a Bologna. Ci sono feriti che sanguinano visibilmente da parecchi minuti ma la polizia non fa passare l'ambulanza, mentre Kinglsey rifugiato politico fuggito dalla guerra in Libia minaccia di buttarsi" scrivono su Facebook. 

2 INQUILINI STRANIERI APPESI SU UN BALCONE; CHIAMATI I POMPIERI. Lo sgombero ha incontrato la resistenza di alcuni ''inquilini'': due stranieri infatti si oppongono all'intervento della Polizia. Si sono rifugiati su un balcone, semi-appendondosi; fatto sta che è stato richiesto l'intervento dei Vigili del fuoco. Al momento dell'ingresso della Palazzina, gli agenti non avevano trovato nessuno al pianterreno, ma gli inquilini sono saltati fuori ai piani superiori: in tutto 12 persone: 10 italiani, di cui due ragazzi di 17 anni, e i due stranieri. Tutti saranno denunciati per invasione di terreni. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

LA POLITICA SI DIVIDE. "La lotta ai poveri prosegue imperterrita, stamattina violento sgombero di Villa Adelante, a suon di cariche della Polizia: il Questore e le istituzioni non hanno voluto ascoltare gli appelli alla responsabilità e la voce di chi non ha un tetto sulla testa - scrive l'Onorevole Giovanni Paglia di Sel - migliaia di case sfitte e diritto all'abitare inevaso restano un problema gigantesco per Bologna, non lo si risolverà con la forza".

Paglia ieri aveva fatto visita al presidio di viale Aldini 116 per raccogliere le preoccupazione dei 25 occupanti, persone che vanno dai 2 mesi ai 68 anni d'età: "L'emergenza casa sta attanagliando Bologna da mesi - osserva l'on. Paglia - e non si capisce perché non giungano segnali concreti da parte di FS, Ausl e INPS alle sollecitazioni degli amministratori e dei movimenti sulla messa a disposizione del loro patrimonio immobiliare, circostanza che potrebbe fornire davvero una parte di soluzione. Pretendiamo una risposta - conclude l'on. Paglia - non è possibile proseguire a botte di sfratti e sgomberi".

Di altro tenore la nota della capogruppo Lega Nord Lucia Borgonzoni: "Massima solidarietà alle forze dell'ordine che stamani hanno sgomberato Villa Adelante in Viale Aldini occupata dai soliti che avendo forse poco da fare, si impegnano, celandosi dietro una sbandierata/millantata (perché certo non è questo il modo di aiutare qualcuno)  volontà di sostenere "l'altro", a creare caos. Le Forze dell'Ordine, in questa città,  per colpa dei soliti quattro, vengono sottratte al presidio del territorio e proprio per questo, le pene a questa gente dovrebbero essere esemplari. Bisogna che certi centri sociali, collettivi, sindacati non riconosciuti ecc....comprendano, una volta per tutte, che a Bologna non accettiamo più che qualcuno si permetta di fare giochini politici sulla pelle dei cittadini". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Incidente in via del Gomito, morto ciclista di 25 anni

  • Il figlio di Vasco Rossi oggi dice "sì": matrimonio a Crespellano per Lorenzo Rossi Sturani

  • Precipita dal terzo piano di un albergo: ragazzino in gravi condizioni

Torna su
BolognaToday è in caricamento