Sanità, calano gli aborti in regione: aumenta tra i giovani la richiesta di contraccettivi

Più di un medico su due è obiettore di coscienza, "ma non ci sono problemi sull'erogazione del servizio" dice la Regione

Continua a calare in Emilia-Romagna la quota di interruzioni volontarie di gravidenza. Si parla di 6.874 aborti nel 2018, il numero più basso dal 1980, con una diminuzione del 4% rispetto al 2017 (furono 7.130 casi). Si conferma così il trend di riduzione degli ultimi anni: dal 2004, quando si registrarono 11.839 interruzioni, al 2018, il calo è stato di oltre il 41%.

A dirlo è la Regione, nel report annuale sull'aborto che verrà pubblicato nei prossimi giorni. La maggior parte delle interruzioni di gravidanza (quasi il 55%) viene fatta con intervento chirurgico. Una modalità "comunque in calo- segnala la Regione- a favore di un aumento del ricorso al trattamento farmacologico" con la pillola Ru486, che riguarda il 34,1% dei casi. "Va sottolineato che questa metodica non ha portato a un aumento del numero delle Ivg", ci tiene a rimarcare viale Aldo Moro.

Tra le donne che hanno optato per il farmaco la maggioranza è italiana (63%), ma nel corso degli anni "il dato indica un accesso sempre maggiore anche da parte della popolazione straniera". Andando a fare una sorta di identikit delle donne che fanno ricorso all'Ivg, la maggior parte dei casi sono concentrati fra i 25 e i 29 anni (oltre il 64%). I 53,8% delle donne è nubile e il 40,1% coniugata. Il 62% risulta avere almeno un figlio. E ancora, quasi il 40% delle donne che abortiscono ha bassa scolarità, mentre il 45,5% è in possesso di un diploma e il 15% e' laureata. Infine, il 54% delle donne risulta occupata, il 17% casalinga e il 20,2% è disoccupata.

Aborto e medici: più di uno su due in obiezione coscienza

Più di un medico su due in Emilia-Romagna fa obiezione di coscienza rispetto all'aborto, a cui si aggiunge un terzo degli anestesisti. Ma questo "non ha determinato problemi nell'erogazione del servizio". Nelle strutture sanitarie dell'Emilia-Romagna che praticano l'aborto, l'incidenza dell'obiezione di coscienza tra il personale dipendente riguarda il 55,5% dei medici ostetrici-ginecologi e il 32,2% dei medici anestesisti.

Dati che sono comunque molto variabili tra le varie aziende sanitarie, sottolinea la Regione. A livello nazionale, l'obiezione di coscienza è più elevata e riguarda in media il 68,4% dei medici e il 45,6% degli anestesisti. In Emilia-Romagna, ci tiene comunque a precisare la Regione, "l'incidenza dell'obiezione di coscienza non ha determinato problemi nell'erogazione del servizio, come evidenziano i tempi di attesa". A livello regionale, infatti, nel 2018 i tempi di attesa per l'Ivg sono migliorati, risultando inferiori a 14 giorni nell'83,4% dei casi (erano il 78,4% nel 2017).

Contracezione: sale richiesta nei giovani

Cresce in Emilia-Romagna la richiesta di contraccettivi tra i più giovani. Merito anche della decisione della Regione, che dal gennaio 2018 ha stabilito la gratuità per alcune fasce di popolazione. Dall'analisi dei dati ricavati dai consultori familiari, infatti, risulta che nel 2018 i ragazzi tra i 14 e i 25 anni che si sono rivolti al servizio per contraccezione sono aumentati del +39,6% rispetto al 2017.

In Emilia-Romagna, tutte le donne e gli uomini con meno di 26 anni possono ricevere i contraccettivi gratuitamente, anche quelli di emergenza, e una consulenza medica rivolgendosi ai consultori familiari o agli spazi giovani. La contraccezione gratuita è riconosciuta anche a tutte le donne tra i 26 e i 45 anni disoccupate o colpite dalla crisi, nei 12 mesi successivi a un parto o nei 24 mesi successivi a un aborto.

In parallelo, vengono portati avanti anche interventi di educazione all'affettività e alla sessualità da parte degli spazi giovani. Nell'anno scolastico 2017-2018 i progetti offerti hanno coinvolto 42.986 adolescenti, pari al 18,2% della popolazione target, formata dai ragazzi residenti tra i 14 e i 19 anni. (San/ Dire)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

  • 130 kg di droga sequestrati, raffica di arresti: base logistica a Castel Maggiore

  • Corticella: perde conoscenza sul bus 27, poi gli insulti e le minacce

  • Investimento mortale sulla Bologna-Verona, circolazione treni sospesa

Torna su
BolognaToday è in caricamento