Furto al Marconi: presi professionisti dei borseggi in stazioni e aeroporti

La Polizia di Frontiera, dalla visione delle telecamere, è riuscita ad individuarli

Denunciati per il reato di furto aggravato in concorso commesso all'aeroporto Marconi. Tre cittadini macedoni, di 62, 47 e 32 anni, nella mattinata di ieri 23 luglio, fingendosi passeggeri in transito, sono riusciti a rubare la borsa di una donna appena atterrata da Lione con la sua famiglia.

La Polizia di Frontiera, dalla visione delle telecamere di sorveglianza aeroportuali, è riuscita ad individuare i tre autori che si erano allontanati in taxi in direzione Stazione Centrale di Bologna e, grazie alla collaborazione degli agenti della Polizia Ferroviaria, sono stati bloccati. La refurtiva è stata recuperata.

I tre erano ricercati per altri furti aggravati commessi presso lo scalo aereo di Milano Linate oltre che per un altro furto commesso a gennaio 2019 all'aeroporto bolognese. In quell'occasione il bottino era stato di 16.500 euro. Uno di loro era già stato arrestato nel 2016 per lo stesso reato commesso in un hotel di lusso a Milano.

Furti in aeroporto: in fila per la pizza ma borseggiano i viaggiatori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus : l'Università di Bologna sospende lezioni, esami e lauree

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • Bimbo di 2 anni resta chiuso in auto: passante spacca il vetro

  • "Appropriazione indebita": sequestrati 100 immobili a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento