Scandalo affidi, azione Forza Nuova alle sedi PD: 'Quelli del Restiamo Umani strappano i bambini alle famiglie'

Sagome di bambini all'entrata: 'Mentre una volta si diceva che i comunisti mangiavano i bambini, ora li strappano alle loro famiglie'

Il dipartimento femminile di ForzaNuova, Evita Perón, ha rivendicato l'azione della notte scorsa, quando a Bologna e in altre  città italiane, le militanti hanno simbolicamente chiuso le entrate delle sedi del PD (e di alcune delle associazioni di parte citate nelle indagini), affiggendo sagome di bambini e alcuni volantini: "Quelli del Restiamo Umani strappano i bambini alle loro famiglie, li plagiano e li vendono ad amici e coppie omosessuali..." 

Il riferimento è all'operazione 'Angeli e demoni', che ha portato al fermo di diverse persone tra cui il sindaco, la responsabile dei servizi sociali e altri professionisti, a Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia. 

“Così hanno trattato la piccola Anna, chiederemo revoca adozione”

"L'ennesima trama per un film dell'orrore, una tragica storia che vede protagonisti le famiglie e i propri bambini, quali vittime sacrificali da una parte, servizi sociali, case famiglia, coop, professionisti ed affidatari, i carnefici dall'altra - si legge nella nota - l'assurdo silenzio che avvolge questa vicenda è pressoche inquietante, pochi giornali hanno dedicato alcune righe all'accaduto, d'altro canto i deterrenti del potere e i loro oppositori si son ben visti di fare emergere la notizia shock". 

Per le militanti di Forza Nuova "l'oramai  inflazionato 'restiamo umani' è cosa loro, utilizzato esclusivamente in caso di sciacalli con barconi, 'capitane' varie e clandestini, per tutto il resto, invece, vige omertà e solidarietà verso colui o coloro che nelle tasche hanno specifiche tessere di partito - e poi l'affondo - il PD ha raschiato il fondo arrivando a palesare la sua natura intrinseca e, mentre una volta si diceva che i comunisti mangiavano i bambini, ora li strappano alle loro famiglie e li svendono al miglior amico gay utilizzando la falsa storiella della famiglia patriarcale, quindi di fatto violenta, e sfoderando quell'arma vincente denominata omofobia (ora capite perché tale reato  'fantoccio' è stato voluto così fortemente dalle lobby sinistroidi), ed ecco che il gioco è fatto:  l'allontanamento dei bambini dalle proprie famiglie è d'obbligo".

Quindi "chi ne fa le spese, pagando caro, sono sempre le piccole vittime innocenti, portate via di forza dai loro affetti più cari ed obbligate, con metodi violenti, a dichiarare il falso per poi essere 'regalati', come merce nemmeno tanto preziosa, a una rosa di affidatari 'amici' senza alcun requisito; un nuovo metodo, o forse no, di affidi decisi a tavolino, che variano tra soggetti con problemi psichici e coppie omosessuali, certo perché se tra persone dello stesso sesso non possono procreare, arriva 'papà' PD con la sua schiera di psicoterapeuti, assistenti sociali ed avvocati a fargliene trovare uno quale regalo alla loro schizofrenica ed egoistica voglia di figli. Ma il marcio di questa nuova 'mela del peccato' non inizia e non finisce, purtroppo, ai confini di Reggio Emilia, ricordando le malvagità del Forteto, le raccapriccianti storie della bassa Modena e il business milionario delle case-famiglia le quali percepiscono diarie giornaliere da capogiro per ogni bambino che ospitano". 

"Dove sono i vari Lerner, Berizzi,  Parenzo, Boldrini, Saviano, gli arcobaleno, le femministe, i loro flashmob per la libertà, i loro slogan 'giustizia per...', e il loro carissimo antifascismo?  - si chiedono - non ci sono stati, non ci sono e non ci saranno, del resto questi bambini e le loro famiglie non sono sedicenti immigrati che sbarcano a Lampedusa, non sono vittime dei fascisti, non meritano, quindi, prime pagine, non meritano giustizia, non meritano il loro disgustoso interesse. L'unica pena certa per chi tocca i bambini? Marcire in carcere senza sconti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

Torna su
BolognaToday è in caricamento