Giallo sul Pontelungo, l'ombra di un uomo nelle acque del Reno: vane le ricerche

Dato l'allarme è intervenuta subito la Polizia, ma le ricerche al momento non hanno dato alcun esito

Un'ombra nelle acque del fiume e la paura che qualcuno sia affogato nel buio. E' così che intorno all'una della scorsa notte una donna ha dato l'allarme e in via Emilia Ponente è sopraggiunta la Polizia per verificare la segnalazione: le ricerche sono cominciate, con l'ausilio dei sommozzatori, ma alla fine si sono chiuse senza alcun ritrovamento.

La testimone stava camminando sul Pontelungo quando qualcosa ha attirato la sua attenzione nell'acqua. Pare che non ci siano state nelle ultime ore denunce per scomparsa di persone e questo fa sì che ci si trovi di fronte a un piccolo giallo: la testimone ha avuto una svista? Si trattava realmente di una persona in difficoltà che chiedeva aiuto?

D'altro canto il fiume d'estate fa paura. Fra le tragedie che si sono consumate nei bacini e nei corsi d'acqua del nostro territorio ricordiamo il recente dramma della bimba di sette anni morta nelle acque del Reno, la piccola Blessing Okojie, deceduta mentre era nelle acque del fiume Reno, in località Molino del Pallore, comune di Alto Reno Terme. Sfiorata la tragedia invece a Casalecchio di Reno lo scorso giugno, quando due giovani che stavano facendo il bagno sono stati salvati in extremis.  E poi la morte del 13enne di Vedrana lo scorso anno e i due bimbi salvati da un pescatore e del terzo deceduto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento