Altro lutto all'Alma Mater: è scomparso il latinista Giancarlo Giardina

Esperto latinista, è stato a lungo docente di Lingua e Letteratura Latina all'Alma Mater

Nello stesso giorno in cui la cultura piange Enzo Raimondi, scompare Giancarlo Giardina, per oltre trent’anni professore ordinario di Lingua e Letteratura Latina all'Università di Bologna.

Esperto latinista, è stato a lungo docente di Lingua e Letteratura Latina all'Alma Mater. Al rigore e alla dottrina del filologo univa la viva passione per le letterature straniere, in particolare per il teatro elisabettiano

Il rettore dell'Università di Bologna Ivano Dionigi lo ricorda con queste parole: "Con Giancarlo Giardina scompare un caro collega e compagno di strada di studi latini, allievo dell’insigne latinista Giovan Battista Pighi si è distinto per l’acribia filologica con cui scavava i testi: a soli 27 anni ha redatto un’eccellente edizione critica delle Tragedie di Seneca, invidiabile la sua vasta cultura, soprattutto sul versante della letteratura anglosassone e del mondo ebraico".

Fu giovanissimo editore delle Tragedie di Seneca "un lavoro la cui validità è ancora oggi riconosciuta dagli specialisti della disciplina. Negli anni successivi dedicò le sue cure filologiche a testi latini la cui ricostruzione presenta problemi di particolare complessità, come l’orazione "Pro Rabirio Postumo" di Cicerone, il corpus elegiaco di Properzio, il Satyricon di Petronio" si legge nella nota dell'Alma Mater.

"Al rigore e alla dottrina del filologo univa la viva passione per le letterature straniere, in particolare per il teatro elisabettiano (era fine conoscitore delle problematiche testuali presentate dai drammi shakespeariani). Tra i suoi numerosi interessi intellettuali spiccava quello, vivacissimo, per la cultura e la lingua ebraica; con grande entusiasmo aveva accolto l’invito a tenere alcune conferenze in università israeliane. La sua passione per il mondo antico non è stata mai disgiunta dall’attenzione assidua – talvolta non priva di venature polemiche – verso la scena politica e sociale contemporanea".

La camera ardente sarà allestita presso la Certosa di Bologna giovedì 20 marzo alle ore 9,30. I funerali si terranno nella chiesa di San Giuliano (Via Santo Stefano, 121 - Bologna) alle ore 11.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento