Anzola dell’Emilia, Vandali prendono a sassate la stazione

In provincia di Bologna la ferrovia metropolitana è stata bersaglio di un atto barbarico, che ha causato la rottura di un monitor informativo e un orologio. I danni ammontano a dieci milioni di euro

L’atto barbarico di cui è stata oggetto ieri la stazione di Anzola dell’Emilia, arrecherà disagi ai viaggiatori. Con delle pietre lanciate dal binario 1  sono stati spaccati un orologio, il monitor informativo e la centralina di comando. Gli oggetti colpiti dai vandali non potranno essere riparati prima di qualche giorno.
Il gesto selvaggio ha causato danni per circa dieci mila euro, come spiegano in una nota le Ferrovie, preoccupate anche dal fatto che l’azione possa percuotersi in maniera negativa anche sull’immagine del Gruppo.
Nella  stazione di Anzola solo due anni furono eseguiti lavori di ristrutturazione per circa 4 milioni di euro, per adeguare la struttura agli standard previsti dal Servizio ferroviario metropolitano.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Botte, sputi e insulti sull'autobus: donna 37enne da' in escandescenza sul 27

    • Cronaca

      Rapina in Bolognina: 91enne gettata a terra e derubata in pieno giorno

    • Cronaca

      Sicurezza: l'imposta di soggiorno finanzia nuove illuminazioni e telecamere

    • Cronaca

      Ingresso con badge, parla la biblioteca: "Pronti a parlarne, ma serve rodaggio"

    I più letti della settimana

    • Viabilità, via preferenziali e moto 'libere', ma più telecamere e Scout

    • Ragazza scozzese multata sul bus, Tper replica: "Due versioni differenti"

    • Consegna posta a giorni alterni: 15 giorni per le raccomandate e bollette scadute

    • Pose sexy e allusioni sessuali con le opere della mostra: guai per dei selfie

    • Incidente a San Giovanni in Persiceto: perde il controllo del camion e si schianta, grave 59enne

    • Tornelli in Stazione Centrale: via libera dalle ferrovie

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento