homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Casa di Lucio Dalla aperta da oggi: musica e fila in via D'Azeglio

Nonostante la pioggia battente la fila per vedere la casa di Lucio: 3.500 i biglietti venduti e il ricavato andrà alla ricostruzione di Finale Emilia. Fai: "Grazie agli eredi che ce lo hanno permesso"

Le sue canzoni nell'aria in via D'Azeglio, un percorso transennato e gruppi ordinati che entrano poco alla volta: aperte da mezzogiorno di oggi le porte della casa di Lucio Dalla, il cantautore bolognese scomparso lo scorso marzo. Tutto il suo mondo a disposizione di chi lo amava come artista e lo stimava come uomo grazie all'iniziativa organizzata dalla Fai con il supporto dei familiari di Dalla, che hanno concesso questi tre giorni speciali.

Vietato fare le fotografie e accesso solo a uno dei piani, quello che racchiude la carriera e la passione per l'arte, per il cinema e anche per il Natale: una stanza colma di carrillon natalizi che accesi per tutto il giorno "Facevano impazzire i vicini di casa", come commenta sorridente la guida. Si accede da un'ingresso secondario e ci si ritrova subito davanti ai trionfi musicali: dischi d'oro e di platino sulle pareti. Poi la sala dedicata al suo Sud: dipinti che racchiudono le bellezze dei luoghi del Meridione che tanto amava, con una finestra dipinta sul mare, proprio di fronte a quelle vere che danno invece sulla sua Bologna. Un affaccio sullo studio, attaccata alla parete una cyclette, fra dischi e ritratti, persino una maschera di cartapesta che lo ritrae.

E' iniziata così la 3 giorni di apertura straordinaria di casa Dalla a Bologna. I ricavati degli oltre 3500 biglietti (esauriti in pochi giorni), andranno alla ricostruzione del municipio di Finale Emilia, uno dei centri più colpiti dal sisma. L'iniziativa è stata organizzata dal Fai in collaborazione con gli eredi e offrirà ai pochi fortunati l'opportunità di passeggiare tra le stanze settecentesche e gli straordinari arredi curati in prima persona dall'artista.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Esplosione al ristorante Zuma: tecnici ancora a lavoro, occhi puntati sul quadro elettrico

    • Cronaca

      Inquilini ex Galaxy, scadenza alloggi temporanei: 'Dall'emergenza-casa non si esce'

    • Cronaca

      Pilastro: nel parco del 'Virgolone', inaugura 'Arena Pasolini'

    • Cronaca

      Infortunio sul lavoro a Dozza: operaio rischia di rimanere sepolto vivo

    I più letti della settimana

    • Fourghetti: Bruno Barbieri è tornato nella sua Bologna

    • Via San Donato: molesta una ragazza dall'auto poi scende e la minaccia

    • Aggrediscono un 45enne armati di coltelli, katane e martello: 4 cani il casus belli

    • Maltempo a San Pietro in Casale: strade allagate e disagi alla circolazione

    • Botte e minacce di morte alla compagna incinta: bad-show sul bus e in strada

    • Grandine a Castel Maggiore e Granarolo: strade e sottopassi allagati

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento