Autovelox bruciati a Sasso Marconi: tre colonnine danneggiate

Un autovelox era già stato divelto qualche giorno fa e questa notte ancora vandali: tre le colonnine prese di mira, tutte fra Borgo Nuovo e Pontecchio Marconi

Foto D.S "Sei di Sasso Marconi se..."

A pochi giorni dalla loro attivazione, ecco lo stato in cui sono stati ridotti i nuovi autovelox a Sasso Marconi: bruciati. Dati a fuoco e anneriti la notte scorsa da persone che evidentemente pensavano non fossero opportuni e hanno agito con violenza. Una delle colonnine era già stata danneggiata giorni fa, oggi una nuova sorpresa. Altri tre autovelox (fra Borgonuovo e Pontecchio Marconi) sono stati dati alle fiamme e uno di questi sarebbe seriamente danneggiato. 

Le immagini delle colonnine date alle fiamme sono state condivise da diversi cittadini sui social con tanto di commenti: "Il rettilineo di Pontecchio é tornato ad essere il solito circuito di Fomula Uno. Purtroppo é triste constatare che se non c'é uno spauracchio le regole non si rispettano". E ancora: "Complimenti a quell'idiota che ha dato fuoco agli autovelox tra sasso e Pontecchio Marconi. Questo la dice lunga sull'idiozia che sta dilagando tra le persone Un atto vile del peggior mafioso in circolazione..."

Ma in questi gruppi gruppo c'è anche chi pensa che i vandali abbiano fatto bene: "Sono tutti da bruciare. Se volete fare multe, metteteci i vigili" scrive un cittadino, subito attaccato per aver istigato ad azioni violente. 

“Al danno vandalico – ha commentato il sindaco Stefano Mazzetti – si aggiunge l’azione intimidatoria di delinquenti che non solo hanno creato un danno al bene pubblico, ma hanno anche provato a intimidire chi si impegna a far rispettare le regole". Il primo cittadino spiega che "diminuire la velocità sulla Porrettana significa una maggiore tutela per la sicurezza dei cittadini ed è un nostro preciso obiettivo, soprattutto alla luce delle troppe vittime della strada (e alle velocità medie rilevate nel tratto urbano). Il tentativo di incendio di una delle tre colonnine ha danneggiato anche il marciapiede ma avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi per la vicinanza alla siepe e alle case" e aggiunge che "all’attenzione delle Forze dell’Ordine ci sono tutti gli elementi che possano portare all’individuazione dei colpevoli, ma vorrei anche segnalare la corresponsabilità di soggetti (anche con incarichi istituzionali) che hanno contribuito a creare il clima avverso ai provvedimenti messi in atto dall’Amministrazione per il rispetto delle regole - incalza Mazzetti - ringrazio invece i moltissimi cittadini che, attraverso le loro attestazioni di stima, hanno mostrato apprezzamento per le iniziative a tutela della legalità avviate nel nostro Comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento