Corticella: la Guardia di Finanza sequestra 3.400 articoli di bigiotteria

Rinvenuti in un magazzino all'ingrosso in zona Corticella. I prodotti forse destinati agli ambulanti della riviera romagnola

In un'operazione denominata "Bad Necklace", le Fiamme Gialle bolognesi hanno effettuato un maxi sequestro di articoli dibigiotteria nei confronti di un cittadino di origine cinese.

Oltre 3.400 pezzi di bigiotteria, tra collane, orecchini, ciondoli e bracciali, privi o con incomplete etichettature, rinvenuti all’interno di un magazzino di vendita all’ingrosso gestito da un cittadino di origine cinese in zona Corticella. I finanzieri hanno segnalato il grossista alla Camera di Commercio di Bologna: la sanzione pecuniaria che, per la fattispecie in esame, può risultare superiore ai 25 mila euro.

 AMBULANTI IN RIVIERA. Dalle indagini è emerso che i prodotti, forse destinati agli ambulanti che operano sulle spiagge delle riviera romagnola, erano sprovvisti del cartellino che deve riportare le informazioni previste dal cd. “Codice del Consumo”, quali la provenienza, i materiali utilizzati per la produzione dell'articolo e le eventuali istruzioni per il suo utilizzo ottimale. L’assenza di tali informazioni non consente, infatti, al consumatore di conoscere con precisione l’origine del prodotto acquistato e l’eventuale presenza di materiali che potrebbero essere dannosi per la sua salute, aspetto quest’ultimo di fondamentale importanza, specie nel caso di prodotti di bigiotteria che, una volta in contatto con la pelle, possono determinare irritazioni, dermatiti o intossicazioni.

Dal 2013 sono 1,6 milioni i “pezzi” contraffatti e/o “insicuri” sequestrati dalle Fiamme Gialle bolognesi, per il cui commercio sono state denunciate finora 165 persone e verbalizzate amministrativamente altre 26.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento