Via Bagni di Mario: Conserva Valverde verso la riapertura, sarà visitabile dal pubblico

un complesso reticolo di canali regimenta le acque sotterranee, destinate anche alla Fontana Vecchia e alla Fontana del Nettuno

Un gioiello della Bologna sotterranea riaprirà le sue porte al pubblico. Si tratta dei 'Bagni di Mario', detti anche 'Conserva di Valverde'. Le associazioni “Succede solo a Bologna” e “Amici delle vie d'acqua e dei sotterranei di Bologna” hanno infine vinto il bando comunale e gestiranno per quattro anni le visite alla struttura sotterranea ideata nel 1563 da Tommaso Laureti, dove un complesso reticolo di canali regimenta le acque sotterranee, destinate anche alla Fontana Vecchia e alla fontana del Nettuno.

I lavori di ristrutturazione sono stati ultimati, e la data di riapertura dovrebbe cadere tra l'ultima settimana di novembre e la prima settimana di dicembre. Sarà visitabile 7 giorni su 7, dalle 9 alle 22.

Ingresso con card 5 € a persona, Max 15 persone per volta all’interno (possibilità di più turni in un’ora), ingresso ridotto  3€ riservato a ragazzi dai 10 ai 18 anni, scolaresche, soci associazione Succede solo a Bologna. Entrata gratuita riservata a bimbi sotto i 10 anni in contesto familiare, guide e giornalisti con tesserino. Visita guidata programmata Sabato e Domenica ore 15. Prenotazioni e info alla mail: prenotazioni@succedesoloabologna.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

  • Avvelenato e lasciato nel parcheggio va in coma e muore dopo 2 giorni: fermati due coniugi

Torna su
BolognaToday è in caricamento