Trasporti hi-tech: a Bologna i biglietti del bus si faranno via sms

Sì del Consiglio Comunale al Mobile Ticketing. Biglietti, parcheggi, treni, tutto con un clic sul cellulare che scala la cifra dovuta dal credito telefonico. Niente più scuse per i "portoghesi"

A Bologna il biglietto del bus si farà con il cellulare e il costo del viaggio verrà scalato dal credito telefonico: i consiglieri comunali di ogni schieramento hanno approvato all’unanimità un odg che invita Giunta e TPER, ex ATC, a studiare un sistema che permetta i pagamenti tramite telefono in una visione di innovazione tecnologica del sistema trasporti, sempre più multi-canale e online.

Le tecnologie che permettono di acquistare e pagare via cellulare beni e servizi esistono da tempo e sono già sperimentata e per gli addetti ai lavori si chiamano ad esempio Bemoov o NFC. Per non impazzire con gli spiccioli “se sprovvisti di titolo di viaggio”, un software sulla sim card multilingua, open data e integrato coi social media consentirebbe ai cittadini di essere informati in tempo reale anche su orari dei bus, parcheggi bike-sharing, car-sharing, treni regionali, piste ciclabili, colonnine di ricarica auto elettriche, un vero e proprio menu di navigazione cittadina sul nostro telefonino.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento