Traffico di droga e soldi falsi: nel giro coinvolto anche un avvocato, 12 arresti

Blitz della polizia in corso per eseguire 12 ordinanze di custodia cautelare per spaccio. Tra questi 12 soggetti, alcuni avevano diversificato il loro campo di interesse occupandosi anche di smerciare banconote false acquistate nel napoletano

Un blitz antidroga è in corso dalle prime ore dell’alba odierna. Il personale della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile di Bologna, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e con la collaborazione delle Squadre Mobili di Cuneo, Foggia, Taranto, Vibo Valentia, sta eseguendo 12 ordinanze di custodia cautelare emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Bologna nei confronti di altrettanti cittadini, di età tra i 34 e il 56 anni, dediti allo spaccio di droga. 10 di questi finiranno in carcere, uno ai domiciliari, per l'altro disposto invece l'obbligo di dimora. 
Al termine della mattinata, 11 soggetti (uno è ancora ricercato) sono stati raggiunti ormai dall'ordinanza di custodia cautelare, eccetto uno che risulta al momento ancora ricercato dalle forze dell'ordine.

I provvedimenti restrittivi - spiegan dalla Questura felsinea - sono la conseguenza di un lavoro investigativo durato circa un anno nel corso del quale la Squadra Mobile è riuscita ad individuare e disarticolare vari canali di rifornimento della cocaina e dell’hashish che, anche in buoni quantitativi, venivano immessi nel mercato bolognese per la vendita a consumatori di reddito medio-alto. In totale sono stati sequestrati 60 kg di hashsh e mezzo kg di cocaina. 

Fulcro dei vari canali di rifornimento era un pregiudicato tarantino, da anni trapiantato nel capoluogo emiliano che aveva intessuto una serie di rapporti tutti finalizzati a procacciare lo stupefacente. Seguendo gli spostamenti e osservando i comportamenti del soggetto è stato possibile risalire ad altri canali illeciti, tutti disgiunti, ma uniti dall’unico comune denominatore: far arrivare la droga nella provincia di Bologna.   

Alcuni tra i destinatari del provvedimento eseguito oggi dalla Squadra Mobile di Bologna avevano diversificato il loro campo di interesse occupandosi anche di smerciare banconote false acquistate nel napoletano. In questo settore è risultato coinvolto anche un avvocato del Foro di Bologna, arrestato in flagranza di reato nel maggio dello scorso anno. Il legale, con studio a San Lazzaro, era trovato in possesso di banconote fasulle, depositate nella sua valigetta.

Ogni banconota falsa da 50  euro veniva piazzata a 4,5 euro (veri). Ad incastrarlo fu l'intercettazione di una conversazione con uno dei 12 soggetti raggiunti oggi dall'ordinanza di custodia cautelare. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • Ozzano, maxi rissa davanti a locale: spunta un coltello, 2 feriti

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento