homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Class-action Codacons E-R contro lo Stato per il blocco stipendi dei dipendenti pubblici

226.457 lavoratori possono chiedere 8.800 euro di risarcimento per il blocco illegittimo degli stipendi e per il ritardo nell'esecuzione della sentenza che impone il rinnovo contrattuale dal 1°gennaio 2016

Parte oggi, 6 gennaio 2016, l’azione collettiva del Codacons contro lo Stato per l'illegittimo blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici dell’Emilia Romagna, fermi dal 2010. L’associazione dei consumatori ha pubblicato sul proprio sito la pagina attraverso la quale tutti i lavoratori interessati possono aderire alla class action e ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali subiti.

Come è noto - spiega il Codacons - la sentenza della Corte Costituzionale n. 178 del 24 giugno 2015 ha stabilito che il blocco dei contratti del pubblico impiego attuato con il DL n. 78/2010, conv. in Legge n. 122/2010, è illegittimo, ma ha limitato tale illegittimità solo al periodo successivo alla pubblicazione della sentenza stessa.

Per tale ragione i 226.457 pubblici dipendenti dell’Emilia Romagna possono ora chiedere un indennizzo da “attività legittima” dello Stato che ha bloccato per 6 anni la contrattazione e, contestualmente, possono chiedere un vero e proprio risarcimento per inadempimento dell'obbligo per il periodo successivo alla pubblicazione della sentenza, ossia a far data dal 30 luglio 2015 fino all'effettivo rinnovo.

Con la stessa azione il Codacons chiede insieme ai dipendenti pubblici il rinnovo dei contratti collettivi per il personale pubblico dipendente dall' 1.1.2016, obbligo direttamente scaturente dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 178/2015. La richiesta che ciascun pubblico dipendente può formulare dunque è di 100 euro al mese a titolo di indennizzo per il periodo che va dal 2010 al 30 luglio 2015 e di 200 euro al mese per il periodo successivo al 30 luglio 2015, perdurando l’inadempimento ormai chiaramente sanzionato dalla Corte stessa, per un totale di 8.800 euro a lavoratore.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Terremoto centro-Italia 24 agosto, Zuppi: 'La misericordia di Dio accolga morti e sofferenti'

    • Cronaca

      San Donato: in casa 4 etti di eroina, due arresti della Guardia di Finanza

    • Cronaca

      Omicidio in Bolognina: i Carabinieri sulle tracce del killer del 29enne

    • Incidenti stradali

      Incidente a Riccione: turista bolognese investito e ucciso da un camion

    I più letti della settimana

    • Incidente a Molinella: auto sbanda e si ribalta, morto bimbo di otto anni

    • Omicidio in via Niccolò dall'Arca: accoltellato 29enne, muore in ospedale

    • A14, Imola: contromano sull'autostrada, ritiro della patente e auto sequestrata

    • Tutti in fila per il karaoke, riapre lo storico circolo 'Passaparola'

    • Piazza San Francesco, agente fuori servizio rapinato del telefono e preso a pugni

    • Temporali nel week-end: Bologna colpita da due 'supercelle'

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento