Pendolari, ritardi sulla Bologna-Porretta: "Spunta anche convoglio fantasma"

La denuncia di alcuni passeggeri

E ora sulla Porrettana arrivano pure i treni 'fantasma'. Non c'è pace per i pendolari della linea ferroviaria tra Bologna e Porretta terme, sull'Appennino, che anche oggi hanno dovuto affrontare gli ennesimi disagi della tratta.

Questa volta è capitato che un treno, programmato in partenza alle 6.40 dalla stazione di Porretta, si sia in realtà avviato con mezz'ora di ritardo, alle 7.11 per la precisione. Il problema è che sull'app di Trenitalia, il convoglio risultava cancellato.

Eppure era in viaggio e alla successiva stazione di Riola si è fermato, non annunciato, sul secondo binario, senza caricare i pendolari assiepati sulla prima banchina in attesa del convoglio successivo, lo Stadler partito alle 7.23 da Porretta, appena una decina di minuti dopo quello precedente.

Fatto sta che a causa del treno 'fantasma' (arrivato poi a Bologna recuperando metà del ritardo accumulato), molti passeggeri hanno perso la corsa. A denunciare l'accaduto è Valerio Giusti, portavoce del comitato pendolari della Porrettana, che punta il dito contro Trenitalia per la cattiva informazione data ai viaggiatori, dovuta alla "pessima qualità del sistema informatico in uso dal Gruppo Fs, che un'azienda normale avrebbe già rottamato, e alla app di Trenitalia "come sempre fuorviante". Giusti si chiede se l'avviso di soppressione del treno sia stato dato "perché poco dopo sarebbe passato lo Stadler delle 7.18 e forse volevano evitare che il treno diventasse strapieno già a Vergato. O si sono semplicemente dimenticati di avvertire i pendolari che dovevano portarsi sul secondo binario? Non lo sappiamo, perché senza informazione anche una scelta che potrebbe essere sensata diventa disservizio, infuriando legittimamente gli utenti che dovevano salire a Riola".

Sul gruppo Facebook dei pendolari della Porrettana naturalmente scattano le proteste, tra indignazione e sarcasmo ("Colpa della neve?"; "Striscia la Notizia è l'unica speranza"). Qualcuno aggiunge anche alcuni dettagli sul treno 'fantasma'. "Anche a Porretta solita solfa- riferisce un utente- è partito dal binario 3 in clandestinità, quando gli utenti erano tutti sul binario 1 per il treno delle 7.18".

A sua volta, un'altra passeggera riporta che "a Borgonuovo è arrivato e partito prima dell'orario (con ritardo) indicato. Le varie app non erano aggiornate. Risultato: ha preso il treno chi, imperterrito, è rimasto sulla banchina al freddo ad aspettare. Non ci siamo". Replica Giusti. "Ve l'ho scritto migliaia di volte- afferma- non vi potete fidare delle app, se non per conoscere orari e corse. Il sistema non è in nessun modo affidabile un'azienda seria l'avrebbe già rottamato". E aggiunge: "In realtà il personale operativo Fs in questa occasione e' risultato molto efficiente, perche' il treno partito con 31 minuti di ritardo e' arrivato a Bologna con solo 18 minuti di ritardo, recuperandone ben 13. Un intervento assai efficace e meritorio svilito da un sistema informatico del terzo mondo, che ha fatto perdere il treno ai viaggiatori inconsapevoli". (San/ Dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Spioncino digitale: come avere al sicuro la propria casa

  • Occhiaie: come corprirle con il make up

I più letti della settimana

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • Interporto, scuoiano una pecora nel parcheggio: tre denunciati

  • Incidente in A14, Vigili del Fuoco ed elisoccorso in azione

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

Torna su
BolognaToday è in caricamento