Palazzo d'Accursio per Guazzaloca: aperta la camera ardente

Dalle 9 di questa mattina e fino alle 18 il feretro in Sala Rossa nel Palazzo Comunale. Domani l'addio a Giorgio Guazzaloca nella Cattedrale di San Pietro: a celebrare i funerali sarà l'Arcivescovo Zuppi

La sala Rossa di Palazzo D'Accursio oggi è per Giorgio Guazzaloca, mentre la bandiera del comune è listata a lutto. Il feretro dell'ex sindaco di Forza Italia, che si è spento lo scorso 26 aprile, è stato accolto dall'attuale primo cittadino Virginio Merola e per tutto il giorno, fino alle 18 di questa sera, la camera ardente accoglierà chiunque voglia dare il suo ultimo saluto a Guazzaloca.

Domani invece, sabato 29 aprile (proclamato il lutto cittadino) alle ore 10, sarà Monsignor Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna a celebrare i funerali nella cattedrale di San Pietro. 

Il ministro dell'Ambiente Galletti era presente nel proprio nel momento esatto in cui la bara è entrata nella sala Rossa: "Diceva sempre: 'Non voglio conferenze stampa dove si annunciano cose, ma dire dire di aver fatto cose. In questo c'era tutta l'amministrazione Guazzaloca di quegli anni. Era ironico aveva per tutti dei giudizi netti, ma li esprimeva anche. Alla gente alla fine ha apprezzato anche questo aspetto di lui".

Anche il sindaco Merola ha detto qualche parole per ricordare Guazzaloca:"Quello che osserviamo oggi è il suo spessore umano. Alla sua sofferenza ha senz'altro contribuito l'inchiesta (sul Civis ndr), ma lui ha affrontato tutto con tenacia".

E ancora Merola: "Ci ha lasciato una eredità politica che ancora oggi ci sta facendo discutere. Guazzaloca aveva colto l'importanza della civiltà e cioè fare il bene della città al di là degli schieramenti. Infine lo vorrei ricordare anche con un sorriso perché lui si avrebbe sorriso di fronte al conformismo perbenista di questi ultimi tempi".

Roversi Monaco: "Nessuno può dire che Guazzaloca non fosse diverso dagli altri. Era capace di ascoltare tutte le classi sociali. Un vero bolognese , che non cercava pubblicità".

Postacchini: "Divenne presidente di Ascom a 41 anni. Per noi giovani di allora era un baluardo, aveva forza e tenacia".

IL PICCHETTO D'ONORE PER GUAZZALOCA. Ad alternarsi al picchetto d'onore nella camera ardente predisposta nella Sala Rossa di Palazzo D'Accursio per Giorgio Guazzaloca saranno soprattutto esponenti del nel mondo Ascom, associazione che l'ex sindaco di Bologna, ha guidato dal 1985 al 1999, e amici che negli anni successivi condivisero il suo percorso nella politica cittadina.

Lo conferma l'attuale presidente dell'associazione dei commercianti di Strada Maggiore, Enrico Postacchini, a margine dell'assemblea dei soci dell'Aeroporto. Il picchetto sarà composto da quattro persone, che si daranno il cambio ogni 15 minuti. Postacchini ha ricordato Guazzaloca nel corso dell'assemblea dei soci dello scalo. "Anche se oggi e' una giornata felice per il Marconi e' funestata dalla mancanza di Giorgio Guazzaloca, che per questa societa' e' stato un protagonista come presidente della Camera di commercio e come consigliere stesso", sottolinea il numero uno di Ascom.

guazza immagine-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento