Cantierone Ugo Bassi/Rizzoli, con il via ai lavori compaiono gli 'umarell': "Noi controlliamo"

Attenti, mani dietro la schiena e tanti consigli da dispensare: sono gli "umarell" bolognesi e monitoreranno il cantierone fino a fine lavori

Umarells

Quando si apre un cantiere compaiono anche loro. Figuriamoci se il cantiere in questione è il "più grande dal Dopoguerra" come continuano a dirsi, quello che sta 'congelando' via Rizzoli e via Ugo Bassi: ed ecco, puntualissimi, gli "umarell" bolognesi. Mani dietro la schiena, competenze urbanistiche, conoscenza perfetta dei materiali edili e delle tecniche di pavimentazione, di idraulica e anche di architettura. 

Sono gli umarell, definiti anche "anziani urbani" e alcuni di loro, come ci fanno sapere, nonostante abitino in zone periferiche di Bologna, hanno preso un bus e sono arrivati in centro giusto in tempo per dare un'occhiata al cantiere che per 10 mesi occuperà le due arterie della città: persino il sindaco Virginio Merola, alla conferenza stampa di presentazione del Cantiere BOBO, li aveva citati con ironia come 'osservatori' da temere.

VIDEO: LAVORI IN CORSO SU VIA RIZZOLI, 'ATTENZIONE ALLE MULTE'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento