Dormitorio Capo di Lucca: dopo i clochard in piazza, la riapertura

Dopo la protesta dei senza tetto, che si sono accampati per giorni in Piazza Maggiore, il centro di accoglienza di via Capo di Lucca è stato riattivato. Da subito 40 nuovi ospiti, tra cui anziani e malati

Aperto per aiutare i senza tetto durante il periodo di freddo invernale, il dormitorio di via Capo di Lucca ha fatto parlare di sé proprio in questi giorni, per la sua chiusura e la conseguente protesta degli ospiti: riuniti in Piazza Maggiore si sono infatti accampati e hanno dormito sotto le stelle, lungo le mura del Comune. La loro richiesta, oltre alla riapertura, era quella che non vi fossero distinzioni tra residenti e non residenti, visto che sembrava una discriminante possibile:  “Non è così - spiega Daniela Ghinello, responsabile per Capo di Lucca dell’Antoniano - anche se non si tratta più di un’accoglienza generalizzata. La residenza non era tra i requisiti richiesti per l’accoglienza, si tiene conto dell’età e dei bisogni di salute”.

“Gli ingressi - continua - sono stati decisi in base a una lista stilata tenendo conto di tutte le persone accolte anche negli altri dormitori durante l’emergenza freddo. Si tratta di persone anziane, o con problemi indifferibili di salute o segnalate dai servizi sociali dei quartieri con cui hanno già attivo un progetto”.

I NUMERI. Durante i 4 mesi di apertura, al dormitorio di via Capo di Lucca, sono state accolte 207 persone, sono stati distribuiti 3.700 pasti, sono state raccolte 400 coperte ed e’ stata data assistenza sanitaria e legale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL REPORTAGE. L’esperienza dell’accoglienza di Capo di Lucca e’ stata raccontata in un video intitolato “Capo di Lucca 37, vita in un dormitorio del Piano Freddo 2010/11” realizzato dal centro di produzione dell’Antoniano in cui si mostra il lavoro svolto all’interno della struttura.






 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento