Carabinieri in servizio anti-droga: in arresto due noti pusher

Un 25enne è riuscito a divincolarsi ferendo un militare

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bologna hanno arrestato due uomini con l'accusa di spaccio di stupefacenti. Un 25enne gambiano  ieri, durante un controllo del territorio tra via Irnerio e via dell’Indipendenza, transitando nelle vicinanze del Parco della Montagnola, hanno chiesto allo straniero di esibire un documento di riconoscimento, il quale però si è improvvisamente allontanato e ha iniziato a correre tra la gente in direzione di via dei Mille. Rincorso da un militare e bloccato dopo pochi metri, è riuscito a divincolarsi sferrando un pugno e una ginocchiata al Carabiniere che però è riuscito ad ammanettarlo. E' stato trovato in possesso di una quarantina di grammi tra marijuana e cocaina e 200 euro in contanti. Il 25enne , gravato da precedenti di polizia per falsa attestazione ad un pubblico ufficiale sulla propria identità, ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato, ricettazione, spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale, è stato tradotto in camera di sicurezza, in attesa di comparire in Tribunale per l’udienza di convalida dell’arresto prevista per la mattina odierna. Il Carabiniere ferito è stato trasportato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Bologna dove è stato medicato e giudicato guaribile in cinque giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri della Stazione Bologna Navile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 31enne ivoriano, residente a Bologna. Questa volta, l’uomo, volto noto tra i pusher bolognesi e già sottoposto agli arresti domiciliari per motivi di droga, è finito in carcere su disposizione dell’Autorità Giudiziaria che era stata recentemente allertata dai Carabinieri della Stazione Bologna Navile. I militari, infatti, avevano esplicitamente richiesto l’aggravamento della misura cautelare, proprio per impedire al 31enne di tornare a spacciare nel quartiere, considerato che la sua fonte di reddito proviene dal mercato della droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 29 marzo: contagi +736, altri 99 morti

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 2 aprile: +546 contagi, si contano ancora 79 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento