Dozza, i carcerati rifiutano il cibo e chiedono 'Indulto o Amnistia'

Detenuti in protesta. Sappe: "Temono che, con l'estensione da 12 a 18 mesi della possibilità di espiare in detenzione domiciliari l'ultimo periodo di pena, saranno in pochi ad usufruirne..."

Sciopero della fame e tintinnio assordante di oggetti sbattuti contro le inferriate: così ieri mattina hanno nuovamente protestato i detenuti della Dozza.

Alla mobilitazione, - come rende noto Giovanni Battista Durante, Segretario generale aggiunto del Sindacato autonomo polizia penitenziaria - "ha partecipato il 90% dei detenuti, i quali hanno chiesto l'Amnistia o l'indulto, perché temono che, con l'estensione da 12 a 18 mesi della possibilità di espiare in detenzione domiciliari l'ultimo periodo di pena, saranno in pochi ad usufruirne, considerato che molti di loro sono stranieri e non hanno un alloggio o chi li ospita fuori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'La protesta, ovviamente, seppur pacifica - dice Durante -, ha creato apprensione tra il personale di polizia penitenziaria, il cui numero, in questo periodo, e' ulteriormente ridotto per il piano ferie in atto. Il reparto di polizia penitenziaria di Bologna è già carente di circa 200 unità; infatti, gli uomini a disposizione sono 370, a fronte di un organico previsto di 570 unità. I detenuti, invece, sono circa 1200, a fronte di una capienza di 470 posti disponibili".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • No malattia lavoratori di Medicina, il sindaco: "Poca attenzione del Governo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento