Castel Maggiore, giochi e maschere carnevale pericolose: sequestrati 20mila pezzi

I finanzieri hanno rivenuto un intero magazzino con materiale di pessima qualità, con marchi di garanzia inesistenti o ingannevoli

I Finanzieri del Comando Provinciale di Bologna, nel corso di un intervento eseguito a Castel Maggiore, presso un magazzino gestito da un soggetto di origine cinese, hanno sequestrato circa 20mila tra maschere di Carnevale, giocattoli e prodotti per la pesca irregolari per un valore complessivo di oltre 30 mila euro.

In particolare, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria hanno riscontrato come sugli scaffali dell’esercizio commerciale fossero esposti migliaia di articoli, maschere e altri gadgets di carnevale a prezzi particolarmente bassi ma scadenti nel loro confezionamento e nella qualità dei materiali.

Screenshot (457)-3

Un esame più approfondito ha permesso di accertare l’assenza sulle confezioni delle informazioni minime previste dal “codice del consumo” in relazione alle indicazioni sulla composizione dei prodotti, qualità e origine.
Le Fiamme Gialle hanno accertato che la maggior parte degli articoli sequestrati risulta priva della marcatura CE, ovvero della garanzia, per l’acquirente, che non si tratta di prodotti dannosi per la salute e che gli stessi sono fabbricati rispettando gli standards di sicurezza europei. Un’altra parte dei prodotti, invece, reca una marcatura CE ingannevole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono in corso accertamenti volti a risalire la filiera di acquisto per verificare, a monte, se siano state aggirate le previste regole di immissione in commercio. La titolare della ditta sottoposta a controllo è stata segnalata alla Camera di Commercio di Bologna per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dal Codice del Consumo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 10 luglio: focolaio impresa di logistica, +36 casi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento