Nuova Casa della Salute al Navile: si comincia il 5 febbraio

Il pieno regime è previsto a è partire dal 24 marzo, quando verrà inaugurata con una festa cittadina

I primi servizi nella nuova Casa della Salute Navile, in via Svampa 8, partiranno il 5 febbraio anche se il pieno regime è previsto a è partire dal 24 marzo, quando verrà inaugurata con una festa cittadina. 

A giorni dunque verranno attiviati i servizi di assistenza infermieristica domiciliare, il punto di coordinamento dell’assistenza primaria, la pediatria di libera scelta, la pediatria territoriale, il servizio susili per incontinenza, la distribuzione diretta dei farmaci, la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, il consultorio familiare e fisioterapia

Come rende noto Ausl, oltre a CUP e anagrafe sanitaria, saranno presenti gli ambulatori infermieristici che, in integrazione con i Medici di Medicina Generale del territorio e i medici specialisti, si rivolgeranno a gruppi specifici di pazienti cronici. 

LA CASA DELLA SALUTE NAVILE. 7.555 metri quadrati su 5 piani, la Casa della Salute Navile è stata realizzata, in meno di tre anni, grazie ad un investimento di quasi 12 milioni e 200 mila euro. Per assolvere alla sua funzione di riferimento la progettazione della Casa si è sviluppata a partire proprio dalla lobby di accesso, una piazza dell’accoglienza che diventa uno spazio sociale ed urbano, punto di contatto tra la struttura sanitaria ed il suo territorio.

1) Al piano terra della Casa troveranno spazio i servizi che registrano i flussi maggiori di cittadini, come il CUP, il Punto Prelievi, il punto di coordinamento dell’assistenza primaria, i servizi di distribuzione dei farmaci e dei presidi per l’incontinenza, e la sala polivalente, che, oltre ad essere dedicata ad incontri con i professionisti, ospiterà eventi ed attività informative e formative rivolte ai cittadini e alle associazioni di volontariato e agli operatori sanitari.  

2) Il primo piano ospiterà il Centro di Salute Mentale (CSM), l’Area Medici di Medicina Generale, l’Area Infermieristica con il servizio di Assistenza Domiciliare Infermieristica (ADI), l’area direzionale. 

3) Secondo e terzo piano saranno dedicati, rispettivamente, agli ambulatori specialistici, alla palestra di riabilitazione e ai servizi materno infantili.  

4) Il piano interrato, con il parcheggio per le auto di servizio, è riservato agli operatori per l’assistenza domiciliare, e locali accessori come spogliatoi e archivio.

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Dermatologia: una bolognese premiata al congresso mondiale

  • Come combattere il caldo: consigli e rimedi

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Sasso Marconi: auto si scontra con un camioncino, bimbo di sette anni muore sul colpo

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Incidente in A13: scontro tra auto, traffico bloccato per un'ora

  • Incidente a Sasso Marconi: bimbo muore sulla Porrettana, chi era la piccola vittima

  • Imola, donna trovata morta nel fiume Santerno

Torna su
BolognaToday è in caricamento