Castello d'Argile: 'traditi' dai rifiuti, vivevano in massa in un casolare

Una scoperta avvenuta seguendo la scia dei rifiuti e che ha richiesto una ordinanza ad hoc da parte del sindaco Giovannini: la situazione igienica era pericolosa

Cumuli di rifiuti e topi davanti a un casolare a Castello d'Argile: questi gli elementi che hanno portato l'attenzione su un casolare di Castello d'Argile, che era illegalmente diventato la "casa" di ben 31 uomini originari del Pakistan. Immediato l'intervento delle forze dell'ordine e subito una ordinanza ad hoc firmata dal sindaco Michele Giovannini. 

Sparpagliavano i rifiuti nei dintorni: trincee di sacchi dell'immondizia 

Come riporta Il Resto del Carlino, gli occupanti erano 31 e tutti lavoratori di una stessa azienda: " Il casolare risultava affidato in comodato gratuito a una persona, ma dopo il blitz della Polizia Mmunicipale, sono stati scoperti 31 pakistani che vivevano in una situazione sanitaria pericolosa". Subito lo sgombero del casolare e l'identificazione dei suoi ospiti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo cittadino ha così firmato un’ordinanza: ‘contingibile ed urgente’ 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

  • Bollettino Covid Bologna 18 maggio: vicini a zero casi, ma ancora 4 morti | GRAFICI E DATI, COMUNE PER COMUNE

Torna su
BolognaToday è in caricamento