Castiglione de Pepoli, festa di S. Giacomo: 'In canonica imparavamo a leggere e scrivere'

Le storie degli abitanti della piccola frazione nella giornata in cui tutti si sono sentiti famiglia

Non è mancata una lacrima che ha rigato il volto di chi ha ricordato quando in canonica si imparava a leggere e a scrivere.

Le storie dell'Appenino e degli abitanti di San Giacomo, piccola frazione di Castiglione dei Pepoli, tutte nella piccola chiesetta, in una giornata in cui tutti si sono sentiti famiglia. Un momento speciale, frutto dell' amicizia e della condivisione; in tanti hanno contribuito. Erano presenti in 100, riempiendo la piccola chiesa per celebrare la festa del patrono. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto a lucido per la festa dedicata al patrono, domenica 22 luglio, quando dopo la Santa Messa celebrata da don Giancarlo, che il 23 luglio festeggia i 50 anni di sacerdozio, si è vissuto un momento conviviale aperto a tutti. Tavoli imbanditi con bibite e torte preparate dalle famiglie della zona. Tavoli con giovani e persone con le tempie grigie e spazio ai loro racconti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

Torna su
BolognaToday è in caricamento