Uffici postali a rischio chiusura, Poste italiane: per ora solo ipotesi

L'ipotesi di soppressione degli sportelli antieconomici -21 solo nella provincia di Bologna - per ora resta solo sulla carta

Addio a 1156 uffici postali in Italia: potrebbe essere questa la conseguenza dei tagli comunicati da Poste italiane. Solo a Bologna e Provincia saranno ben 21 gli sportelli a rischio chiusura (vedi elenco) tra il 2012 e il 2013, inquanto giudicati strutture 'antieconomiche'. Oltre alle chiusure, ipotizzate anche riconversioni per gli sportelli: dagli orari ridotti, alla multifunzione.

La notizia ha subito sollevato diffusi malumori: si teme infatti per i conseguenti disagi e disservizi. Ma arrivano le parole di Poste italiane a raffreddare gli animi. Attraverso una nota l'azienda precisa che "l’elenco degli uffici  postali diseconomici è  solo un impegno con l’AgCom e non un piano di chiusure."
Ogni anno, infatti, "in conformità alle disposizioni del Contratto di Programma, Poste Italiane  deve inviare all’autorità di vigilanza (attualmente l’AgCom) un Report sugli uffici postali e sulle strutture di recapito che non garantiscono l’equilibrio economico. Viene quindi stilato un elenco degli uffici che non soddisfano i criteri di economicità, ma che non risponde a un piano di chiusure di uffici postali, materia che eventualmente andrebbe discussa preliminarmente con gli enti locali e l’AgCom".

La diffusione della rete è - almeno per ora - rimasta invariata, - conclude Poste italiane - sottolineando che cio' è stato possibile trasformando alcuni uffici "in autentici 'centri servizi' dove ottenere servizi postali e finanziari ma anche certificati anagrafici, visure catastali, passaporti, servizi per la salute, pagamento dei ticket sanitari e permessi di soggiorno per cittadini stranieri."





 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento