Merola visita il Cie di Bologna: "Chiuderlo subito, sotto la dignità umana"

Il sindaco dopo la visita al centro identificazione ed espulsione di via Mattei: "Questi centri non hanno senso. C'é una situazione strutturale, igienico-sanitaria e gestionale deficitaria"

Merola: "Chiudere subito i Cie". Lo chiede il sindaco di Bologna dopo aver visitato la struttura: "Questi centri non hanno senso. C'é una situazione strutturale, igienico-sanitaria e gestionale deficitaria", ha spiegato all'uscita dopo essersi fermato più di un'ora nel centro di via Mattei. Secondo Merola, "per una città come Bologna, medaglia d'oro al valore civile, questo è un cuore di tenebra e non si può continuare ad assistere senza dire niente".

Nessuno, ha spiegato, "é trattato disumanamente ma è la condizione oggettiva che è al di sotto della dignità umana". Tanto che "é umiliante vedere come sono usate le forze di polizia: non si può tenere del personale giovane a fare custodia ad altri giovani che hanno il solo difetto di non appartenere a una certa nazionalità: insomma - ha proseguito Merola - ci siamo inventati un reato e abbiamo costruito una struttura che non si può neanche definire carceraria".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA RICHIESTA IN PREFETTURA. Per l'immediato, il primo cittadino ha chiesto che venga data risposta alla domanda di fondi avanzata dalla Prefettura: "Non si può gestire questa situazione senza risorse, almeno si provveda, come hanno chiesto il Prefetto, i parlamentari bolognesi e l'assessore Frascaroli, a fare gli interventi di minima per rendere la permanenza dignitosa". L'obiettivo finale, però, rimane la soppressione dei Cie: "Lavorerò perché tutti i sindaci si pronuncino e si ribellino. C'é una legge elettorale che fa schifo e va cambiata, ma anche questa è una delle prime cose da modificare perché costringe i nostri funzionari a operare contro la Costituzione". Merola ha parlato con alcuni immigrati e non ha nascosto la propria commozione: "Scusate se mi sfogo con voi - ha detto ai cronisti - ma serve fare qualcosa al più presto. Questi sono centri di espulsione, ma di espulsione della condizione umana".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

  • A1 Bologna-Firenze: chiuso tratto "Panoramica" tra Aglio e Roncobilaccio

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 26 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus in Emilia-Romagna, l'aggiornamento: rallentano i contagi. Bologna piange altri 4 morti

  • Coronavirus, bollettino: 10.054 casi positivi (+800) in Regione. Altri 17 morti in provincia di Bologna

  • Coronavirus, aggiornamento della Regione: + 980 positivi in Emilia-Romagna, 4 nuovi decessi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento