Piano traffico, concessionarie contro: "Demonizza l'automobile"

Sul piano si legge: "Per poter raggiungere gli obiettivi è indispensabile creare una sinergia virtuosa fra tutte le modalità̀ alternative all’uso del mezzo privato"

Il Pums - Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile appena approvato dalla Città metropolitana non trova l'appoggio delle concessionarie auto bolognesi che ritengono sbagliato "demonizzare" l'automobile.

Il piano, secondo la federazione delle concessionarie di Ascom "ha posto tra le priorità una drastica riduzione degli spostamenti in automobile. Una scelta che come federazione concessionarie di Confcommercio Ascom Bologna non ci sentiamo di condividere, nonostante la nostra posizione favorevole nei confronti di politiche di mobilità sostenibile".

Piano mobilità, valanga di richieste: cittadini lo vogliono meno inquinante 

"Riteniamo, infatti- affermano i gestori delle rivendite di auto e moto- che queste debbano essere soprattutto mirate a favorire uno svecchiamento del parco auto maggiormente inquinanti, a vantaggio di quelle più ecologiche, oltre che verso nuove modalità di utilizzo, come può essere il noleggio. Riteniamo non si debba puntare il dito solo contro chi utilizza l'auto privata, che non si può pensare di sostituire interamente con le biciclette o con i mezzi pubblici". 

Sul piano si legge: "Per poter raggiungere gli obiettivi del PUMS è indispensabile creare una sinergia virtuosa fra tutte le modalità̀ alternative all’uso del mezzo privato". (dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • Furto nella notte: ricco bottino dei ladri nell'azienda in fallimento

Torna su
BolognaToday è in caricamento