Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

La mappa, di Francesco Piersoft Paolicelli, è interattiva e si aggiorna ogni 24 ore in base agli ultimi dati della Protezione Civile. È possibile anche vedere il progressivo contagio nel tempo

Casi di positività per provincia e regione, casi giornalieri, progressione dei ricoveri in terapia intensiva. Contagio progressivo per province nel tempo e serie storiche dei casi. Tutto in una mappa, navigabile e visualizzabile in base al dato che si preferisce evidenziare.

È la mappa interattiva creata da Piersoft, ovvero Francesco Policelli, esperto di open data, grazie alla quale si può avere un monitoraggio della situazione con i dati aggiornati quotidianamente: i numeri arrivano giornalmente dal database della Protezione Civile e sono arricchiti da alcune infografiche.

Come funziona

La mappa si ingrandisce e rimpicciolisce con il mouse o touchpad, come si fa su google maps, poi si clicca sulla regione o sulla provincia che si vuole selezionare. I colori, dal rosso scuro al giallo chiaro, danno subito una prima lettura: più l'area è scura, più contagi ci sono. 

Di default, la mappa si apre sui dati per provincia: cliccando ad esempio su quella di Bologna, si vedono i tassi di contagio su 10000 abitanti. Nella finestra che si apre, poi, è possibile vedere una serie storica con l'andamento giornaliero.

Per cambiare mappa e quindi dati, basta selezionare una delle finestre viola sulla destra: se si seleziona la voce 'Regioni e terapia intensiva', e si clicca ad esempio sull'Emilia-Romagna, si apre un'altra finestra con serie storica e vari dati come numero di posti, capienza e decessi. 

Un'altra visualizzazione interessante, che si può scegliere sempre dallo stesso menù, è quella della 'Time map' ovvero del progressivo contagio nel tempo. Cliccando su quella finestra, si apre una barra in basso a destra che permette, spostandola, di vedere l'avanzamento dei contagi giorno dopo giorno. 

Si parte dal 25 febbraio: a parte il lodigiano e qualche caso sparso, la mappa è bianca; significa che in quel momento non risultano contagi nella maggior parte delle province. L'effetto è impressionante. Meno di un mese dopo, il 20 marzo, la scala di rossi non mente: l'Italia è tutta malata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Maxi rissa in Piazza Verdi, volano pugni e bottiglie: "Un inferno mai visto prima"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, calo contagi e casi attivi: guarito oltre il 73% dei contagiati

Torna su
BolognaToday è in caricamento