Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, i lavoratori della logistica: "Prima di comprare, fermati e pensa: ne necessito ora?" | VIDEO

L'appello video di alcuni lavoratori e lavoratrici Si cobas per sensibilizzare all'acquisto dei soli beni essenziali

 

I lavoratori devono avere il diritto di tutelare la propria salute e quella di tutti. Per questo motivo il sindacato Si Cobas già da tempo  ha promosso una campagna di astensione a livello nazionale sui luoghi di lavoro non strettamente legati alle lavorazioni di beni di prima necessità.

"Con la premessa di evitare al massimo i contagi anche tra gli operai - dichiarano dal sindacato - tale astensione viene per noi estesa su tutti i posti di lavoro dove non sussistono le condizioni di lavorare in sicurezza".

"Dietro ad ogni piccolo acquisto on-line, dietro ad un semplice clic su una tastiera, ci sono centinaia e centinaia di lavoratori, corrieri e facchini, costretti a lavorare ammassati nei magazzini di ogni filiale di distribuzione che mettono quotidianamente a rischio la propria salute. Il video che abbiamo realizzato è teso a sensibilizzare tutti coloro che in questi giorni di quarantena sono costretti in casa e Il messaggio che intendiamo diffondere è quello di acquistare solo beni essenziali. I lavoratori che hanno realizzato questo spot vogliono precisare che in gioco questa volta c'è un bene che si chiama vita e che si contrappone alla barbarie del profitto".

"Invano i sindacati confederali (Cgil-Cisl e Uil) hanno provato a rimediare concertando con il Governo e con le Associazioni padronali, diversi protocolli firmati tra le parti che prevedono (in via eccezionale) l'uso di guanti, mascherine e la lavorazione solo dei beni di prima necessità, ma questa volta i lavoratori e le lavoratrici hanno continuato le astensioni dal lavoro, scandendo chiaramente che sulla propria salute e la propria vita non ci sono mediazioni. Di fronte a questo scenario ci troviamo a riflettere su cosa sia essenziale o su cosa non lo sia, cercando di superare l'idea di un concetto individuale,che si regge su un bisogno proprio, a discapito di un concetto collettivo, che in questo caso attiene alla sopravvivenza".

Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 8 aprile: altri 54 decessi. "Cordoglio per morte operatrice di una residenza anziani, aveva 36 anni"

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 8 aprile: i dati comune per comune

Coronavirus, 320 milioni per l'emergenza: "Bonus di 1000 euro a tutti i sanitari"

Coronavirus, a Bologna e provincia più controlli per Pasqua: "Anche con elicotteri"

Coronavirus, dalla Regione bando per medici e infermieri all'estero

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Storie di quarantena, dall'Emilia un diario collettivo: "Ci fa stringere in un abbraccio virtuale"

Covid-19, Pubblica Assistenza in prima linea: "C’è gente che nasconde i sintomi per paura"

Coronavirus, riaprono mercati rionali e anche quattro mercati contadini recintati

Coronavirus, ecco i buoni spesa del Comune: da 150 e 600 euro, si richiedono dal 2 aprile

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento