Coronavirus, da Granarolo l'appello: "Cerchiamo maschere da snorkeling per fare dispositivi di protezione per i medici"

Le maschere, rielaborate da un'azienda di Bentivoglio, sono utili non solo ai pazienti in terapia subintensiva ma anche per una maggiore protezione dei sanitari

In piena emergenza sanitaria Covid-19 l’Associazione Volontari Protezione Civile Granarolo ODV  ricerca maschere da snorkeling Decathlon ,modello EASYBREATH , al fine di permettere la realizzazione di dispositivi di protezione per i medici.

Attraverso un lungo post Facebook, ripreso e condiviso dal Comune, si legge: "Il progetto è guidato da aziende facenti parte di THE3DGROUP con sede a Bentivoglio che stanno mettendo a disposizione le proprie competenze e strumentazioni. Le maschere occorrono per supportare ospedali e medici di base del territorio che hanno necessità di proteggersi per potersi recare presso domicili per visite ed assistenza ai malati". 

Non solo: "La richiesta ha carattere di urgenza immediata, chi possiede ed è disposto a donare le proprie maschere a favore di questo progetto - incalza l'appello - contatti la Protezione Civile al seguente indirizzo info@protezionecivilegranarolo.it per concordare il ritiro. Le maschere verranno igienizzate ma si richiede collaborazione nel NON INDOSSARLE e maneggiarle il meno possibile prima del ritiro da parte dell’operatore".

Le maschere sono utili non solo ai pazienti in terapia subintensiva, ma anche ai medici per una protezione maggiore: maschere rielaborate a Bentivoglio, nella sede dell'azienda Solid Energy,  formata da un team di ingegneri che ha maturato esperienza all’interno del mondo universitario della ricerca. l’Ingegnere PhD Claudio Pavan, e l’Ingegnere Vito Zaccaria, rispettivamente Presidente e A.D. di Solid Energy, che hanno fisicamente elaborato il progetto, hanno spiegato: “Siamo stati contattati dall'Ospedale di Sassuolo per aiutarli a replicare quanto avevamo visto fare all’ospedale di Brescia, con la maschera da snorkeling usata come respiratore. Così partendo dal progetto open source di Isinnova abbiamo rivisto il design del raccordo in funzione delle macchine di questo ospedale e lo abbiamo affinato avvalendoci della tecnologia di scansione e stampa 3D professionale fornitaci dai colleghi di Energy Group.” Nel giro di 24 ore il prototipo per i pazienti è stato disegnato, stampato e testato assieme al personale medico, fornendo una campionatura dei primi 30 prototipi".

L'appello pubblicato sui social:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

appello granarolo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Portici, colli e malinconia. 5 canzoni di successo dedicate a Bologna

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

Torna su
BolognaToday è in caricamento