Cercano combattente Isis, trovano 4 spacciatori di droga

Una operazione del Ros ha messo le manette a quattro pusher di stanza lungo la via Emilia. Arresti anche a Bologna

Operavano lungo la via Emilia, specializzati nello spaccio di hashish e cocaina. Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri del Ros, in un blitz che ha coinvolto i comandi Provinciali di Bologna, Modena e Reggio Emilia. 

Il Gip di Bologna ha accolto le richieste, formulate dal pm, per K.E.A., 23 anni e Ya.E.A., 36 anni. Entrambi fratelli, i due sono cittadini marocchini residenti in un comune della bassa: sono indagati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti di cocaina e hashish.

Assieme a loro sono stati arrestati anche A.B., 35 anni e A.D., 48 anni, connazionali dei primi. Il tutto sarebbe emerso durante le indagini che attorno al terzo fratello dei primi due arrestati, Yo.E.A., foreign fighter per Daesh in territorio siriano-iracheno, deceduto a quanto risulta nel febbraio 2016. 

Mentre gli inquirenti ricostruivano l'appartenenza del combattente alle fila dello stato islamico si sono imbattuti "in reiterate condotte di spaccio di sostanze stupefacenti, commesse in provincia di Bologna nel periodo 2015 - 2016" da parte degli altri quattro soggetti. 

I due fratelli erano già stati espulsi tra la fine di maggio 2017 e l'inizio del 2018, e rimpatriati in Marocco: il primo in via amministrativa ed il secondo come misura alternativa al carcere.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • Furto nella notte: ricco bottino dei ladri nell'azienda in fallimento

Torna su
BolognaToday è in caricamento