"Dad insostenibile. Almeno per le prime classi un piano speciale": l'appello dalle Longhena - Cremonini

Così i docenti per consentire almeno ai più piccoli di andare in classe tutti i giorni a orario pieno, naturalmente in sicurezza

Nel mettere a punto la riapertura delle scuole a settembre occorre studiare "un piano speciale" per gli alunni delle prime, per consentire almeno a loro di andare in classe "tutti i giorni a orario pieno", naturalmente in sicurezza. Perchè per loro, la didattica a distanza "non è utilizzabile, neanche in emergenza".

E' questo l'appello dei docenti delle elementari Cremonini e Longhena di Bologna, via social network, a seguito della  chiusura delle scuole dovuta al coronavirus e in vista della prossima ripartenza. "C

rediamo che sia fondamentale prevedere un piano speciale almeno per gli alunni delle classi prime- sostengono gli insegnanti dell'Ic 19- per permettere loro di frequentare la scuola in presenza con orario pieno tutti i giorni, con il contributo di educatori assunti ad hoc". Per chi a settembre inizierà un nuovo ciclo scolastico, ammoniscono i docenti, in particolare alle elementari, la didattica a distanza non va bene, prima di tutto perchè è "fortemente discriminatoria", dovendo dipendere dalla "presenza fisica" dei genitori durante le video-lezioni e dalla dotazione informatica, oltre a pesare su situazioni "già fragili" legate ad esempio alla presenza di bambini disabili o a difficoltà familiari.

Apatia, mancanza di motivazione e abilità che si vanno compremettendo

Inoltre, riferiscono gli insegnanti di Longhena e Cremonini, dopo questi mesi di lockdown "notiamo in alcuni bambini una perdita di sicurezza nei riferimenti spazio-temporali, come se vivessero un eterno presente in un luogo ovattato, dove le loro abilità fisiche e motorie si vanno man mano compromettendo". In altri emergono "mancanza di motivazione, un leggero stato di apatia e la diminuzione di espressione delle emozioni". In generale, i bambini mostrano "una perdita piu' o meno marcata di alcune competenze acquisite, sul piano sia degli apprendimenti sia relazionale", e un bisogno di "contatto sensoriale" e di "riavvio della corporeità".

Per questo, sostengono gli insegnanti, a settembre il problema più importante da affrontare sarà "comprendere se e in che misura i mesi trascorsi a casa, senza uscire e senza la scuola, abbiano indebolito il processo di crescita emotiva dei bambini e come recuperare e riavviare questo processo". Proprio per questo, avvertono i docenti, la didattica a distanza "non sarebbe utilizzabile a settembre con la formazione di nuovi gruppi classe". A maggior ragione quindi, il ritorno in classe va programmato subito, perchè "per essere pronti a settembre è urgente adesso porre la scuola come questione prioritaria, mettendo in atto le azioni necessarie", sostengono gli insegnanti dell'Ic 19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serve tempo e bisogna agire subito: linee guida nazionali "entro il 31 maggio"

Le linee guida nazionali andrebbero quindi formalizzate "entro il 31 maggio" e le scuole riaperte a giugno solo per il personale, in modo da programmare le attività  e riorganizzare gli spazi". Prima di tutto, pero', occorre "finanziare interventi per adeguare locali che ora non sono adibiti a uso scolastico e spazi esterni" per ricollocare le scuole. E poi, ristrutturare e sanificare gli edifici scolastici esistenti per adeguarli e metterli in sicurezza, nonchè dotare tutte le scuole di strumenti per continuare con la didattica a distanza, ma solo come supporto di quella in presenza. In parallelo, occorre "investire in personale scolastico" reclutando docenti, insegnanti di sostegno, educatori e Ata, ma anche "figure psico-pedagogiche per gli sportelli di ascolto". Infine, è "necessario sostenere tutte forme di educazione all'aperto". (San/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento