Scarpe. Da Bologna le tendenze P/E 2012: Daniele Ancarani

Lo stilista bolognese racconta quello che le donne metteranno ai piedi questa estate: "Stampe fiorite, colori, rose, iris e bouganville mescolati fra loro. Passo confortevole, niente tacchi eccessivi"

Daniele Ancarani, shoes designer bolognese, racconta la collezione Primavera/Estate 2012 che mette ai piedi delle donne scarpe colorate, grintose, ma assolutamente portabili: “Altezze mai esagerate, ma spazio a plateau e tacchi comodi e trasparenti, per dare un senso di sospensione e leggerezza”. Ancarani, che oggi, dopo una lunga esperienza maturata sul territorio insieme a nomi quali Buccheri e Bruno Magli ha aperto boutique in tutta Italia e uno showroom a Milano (ma non ha mai lasciato la sua città), annuncia con un trionfo di colore le tendenze dell’estate ormai alle porte. “Lo stile è un modo di essere ed è strettamente personale. Non ha imposizioni né età: è sentirsi sempre a proprio agio con se stessi”. Questa la sua filosofia.

FIORI E COLORI IN PRIMO PIANO. “Ispirazione fiori, nelle declinazioni di stampe, ma anche colori – racconta lo stilista bolognese - fiori bianchi e neri, bouganville, rose, iris, tutti mischiati fra loro. Spazio però anche ai beige e ai sabbia per un rimando al tempo libero e al benessere”. Ma il pallino di Ancarani, oltre all’eleganza bon-ton e alla reinterpretazione del classico d’autore, è il prodotto di qualità “Che non rinunci a un prezzo accessibile, che punti a una scarpa contemporanea, della quale materiali, colori, linee, sono scelti con estrema cura e attenzione”.

DANIELE ANCARANI. Daniele Ancarani inizia negli ’80 come disegnatore di scarpe per donna in aziende che hanno sede a Bologna, sua città di origine. Prima Buccheri, poi Bruno Magli e poi Di Sandro. Appassionato viaggiatore si propone anche come venditore delle linee per cui disegna. Stringe così rapporti con negozianti in scala nazionale ed internazionale, tanto che Pura Lopez, Beverly Feldman e Philippe Model gli offrono la possibilità di distribuire le loro collezioni. Nel 2001 apre la prima boutique a Bologna il cui arredo ispirato all’architettura americana degli anni ’40 è rivisitato dall’architetto Vera Fraboni, secondo un design prettamente minimale. Seguono a breve frequenza le aperture di altri punti vendita a Bologna, poi a Modena, Milano, Termoli, Perugia, Udine e Santarcangelo. Le collezioni Daniele Ancarani prendono spunto da uno streetwear sofisticato ma confortevole, dove le forme e le altezze dei tacchi non sono mai estreme.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero precipitato ad Argelato: morto in ospedale il giovane pilota

  • Precipita con l'aereo, morto a 23 anni: chi era la vittima

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Al Maggiore primo intervento al mondo di asportazione di colon e fegato eseguito con robot

Torna su
BolognaToday è in caricamento