Fuga di artigiani all'estero: l'arte di fare i cappelli da Bologna all'Inghilterra

Dario Quintavalle, "cappellaio" professionista. Quanti ce ne sono in giro? Pochissimi e lui si divide ormai fra Bologna e l'Inghilterra: creatività e alto artigianato per un accessorio senza tempo

Fumo, oggetti misteriosi, colpi di scena e cose che cambiano forma, per poi tornare nel loro stato originale: gli elementi della magia ci sono tutti. Eppure stiamo parlando di un'altra cosa: si chiama modisteria ed è l'arte di fare i cappelli. Si parla spesso di fuga di cervelli all'estero, ma in questo caso a lasciare il Belpaese è un artigiano, uno di quei rari esemplari di "cappellai" italiani così richiesti fuori confine e ormai soppiantati dalle macchine qui da noi.

Dario Quintavalle, che da giovanissimo e già curioso e talentuoso ha appreso l'arte della modisteria alla bottega "Il Bagatto" (la storica sartoria del Ghetto ebraico) da Bologna (dopo anni di lavoro per Borsalino) si è trasferito in Inghilterra dove ha oggi un grosso committente (sarà forse una vispa novantenne che ama i colori pastello? Forse no, ma è comunque il Paese dove i cappelli sono ancora un accessorio al quale è impossibile rinunciare) e ogni tanto torna in città per stare con gli amici, ma soprattutto per continuare a trasmettere la sua arte agli allievi che frequentano i suoi corsi fra Milano e Bologna.  

Con Dario si scopre che il feltro è fatto con i 'peli' del coniglio (bellissima la storia dell'uomo che creando dei calzari rudimentali scopre che pressando i pelucchi trovati nel bosco sotto il peso del corpo si arriva a un tessuto caldo) che ne esistono vari tipi: il satinato, il velour, il melousine...Insomma, merito a Quintavalle per l'impegno con il quale divulga quella che è di fatto una magia, un "effetto wow" che sorprende ogni volta che da un foglio di feltro si ricava un cappello formato. Poi, la fatica di cucire a mano, rifinire e poi, la gioia di personalizzare. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"In modisteria non esistono scorciatoie - spiega Quintavalle - i passaggi vanno rispettati anche se il lavoro poi si vede sulle mani: si è un po' falegnami, un po' sarti, un po' stilisti. Sembra un lavoro faticoso (e lo è!) ma poi a cose fatte si vede bene che il cappello fatto a mano è tutta un'altra cosa". 

Il prossimo laboratorio si terrà il weekend del 4 e 5 novembre proprio qui a Bologna: gli allievi formeranno un feltro su una forma in legno da loro scelta e insieme si arriverà al cappello finito, ottenuto lavorando sodo con ago e filo. La location nella quale avrà luogo il workshop è Les Libellules Studio di via San Vitale. 
 

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

  • SuperEnalotto, in Emilia sfiorato jackpot più alto del mondo

I più letti della settimana

  • Possibili temporali in arrivo, diramato bollettino di allerta dalla protezione civile

  • Aeroporto, volo Bologna-Kos, passeggeri: "A terra da 12 ore come ostaggi virtuali"

  • Maltempo, grandine in provincia: strade chiuse, auto distrutte e finestre in frantumi

  • Incendio in via Casoni: fiamme nella ex fabbrica officine Casaralta

  • Maltempo e grandine: "crivellate" le finestre di via Natali e via Weber

  • Accadde oggi: il 24 giugno crollò la Rupe di Sasso

Torna su
BolognaToday è in caricamento