Decreto sicurezza, sindaci a confronto. Merola: 'A Bologna proteggiamo chi ne ha bisogno'

Un incontro della Conferenza metropolitana dei Sindaci aperta a cittadini, associazioni, cooperative che si occupano di accoglienza e alle forze sindacali. Il Decreto Sicurezza in 14 punti

Un incontro della Conferenza metropolitana dei Sindaci aperta a cittadini, associazioni, cooperative che si occupano di accoglienza e alle forze sindacali ha approfondito gli effetti del Decreto Sicurezza sul Sistema metropolitano di protezione per richiedenti asilo e rifugiati – SPRAR, convertito in Legge il 27 novembre scorso.

Nel suo intervento, il sindaco metropolitano Virginio Merola ha sottolineato come “Questo Decreto rischi di creare insicurezza mettendo in strada persone che attualmente sono invece in un percorso di integrazione. Dal punto di vista numerico – ha continuato Merola – non c’è peraltro nessuna emergenza: parliamo di 2.000 persone attualmente nel sistema di accoglienza su 1 milione di residenti nella città metropolitana. Occorre quindi un’azione culturale per spiegare questo ai cittadini e bisogna continuare sulla strada dell’integrazione: le parole chiave sono insegnamento dell’italiano e accompagnamento al lavoro. Con i nostri servizi sociali continueremo ad occuparci e a proteggere tutte le persone che hanno bisogno, senza distinzioni tra cittadini di serie A e serie B”.

Il presidente della Conferenza territoriale sociale e sanitaria metropolitana ed assessore del Comune di Bologna Giuliano Barigazzi ha proposto un percorso di lavoro in 4 punti:
1. Consolidamento della governance metropolitana con la conferma dell’accordo sottoscritto dai Comuni per lo Sprar e un approfondimento tecnico di come declinarlo in una accezione più ampia che non lascia soli i Comuni ad affrontare le conseguenze della nuova normativa.
2. Coordinamento interistituzionale con Prefettura, Questura, Asl, per mantenere serrato il confronto e la ricerca di soluzioni.
3. Coinvolgimento della rete di accoglienza (Bologna accoglie) in un tavolo permanente.
4. Coordinamento tra tutti i soggetti che nel territorio si occupano di lavoro per intensificare le azioni volte all’inserimento lavorativo e alla conseguente possibilità di conversione di permessi di soggiorno per motivi lavorativi. E’ necessario promuovere anche il confronto con le associazioni datoriali, che debbono essere richiamate alle loro responsabilità anche sulle forme contrattuali.

Decreto Sicurezza: cosa cambia

1) Centri di permanenza: prevede il raddoppio dei tempi di trattenimento nei Centri di permanenza per il rimpatrio per i migranti, che passa da 90 a 180 giorni. 

2) Permessi di soggiorno: abrogazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari, vengono sostituiti da permessi per meriti civili o per cure mediche o se il Paese di origine vive una calamità naturale.

3) Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati): continuerà ad esistere solo per i richiedenti protezione umanitaria e per i minori accompagnati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Indagine sugli adolescenti bolognesi: l'80% ama la città, ma emergono aspetti 'preoccupanti'

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Nike chiude la sede di Casalecchio: per 30 dipendenti il trasferimento è l'unica via

Torna su
BolognaToday è in caricamento