'Cancellò file aziendali': ex dipendente condannato a sette mesi

Circa duemila file, tra cui anche contratti aziendali, spariti dagli hard disk dell'impresa

Era il suo ultimo giorno di lavoro prima di passare a una ditta concorrente, e i file del computer aziendale sono stati distrutti. Con l'accusa di accesso abusivo sistema informatico e danneggiamento è stato condannato nei giorni scorsi, dal giudice Ines Rigoli del Tribunale di Bologna, un dipendente infedele di 33 anni.

La vicenda risale al dicembre 2014 quando, il 33enne lavorava in un impresa edile del bolognese. La querela è stata presentata dall'avvocato dell'impresa con tanto di perizia informatica e testimonianza di una collega: a sparire, sono stati circa 2mila documenti, tra cui alcuni contratti di fornitura. Oltre alla pena detentiva, sette mesi di reclusione, con pena sospesa, l'ex impiegato è stato condannato al pagare il risarcimento provvisionale di 4mila euro immediatamente esecutivo per la parte civile

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sorta mia! Focu meu! Cuarda bbiti ci n'annu fattu a stu cristianu.

Notizie di oggi

  • Green

    Secondo sciopero per il clima: corteo degli studenti in centro

  • Incidenti stradali

    Incidente in A14: schianto tra camion, tratto chiuso e traffico bloccato per ore

  • Cronaca

    Rapina al discount di Sasso Marconi: malviventi puntano la pistola

  • Cronaca

    Fiera, torna il gioco delle tre campanelle tra i padiglioni: in 10 espulsi da Bologna

I più letti della settimana

  • Incidente a Pianoro, frontale Lamborghini-Minicooper: Futa bloccata

  • Ragazza travolta dal bus: è grave in ospedale

  • Il Giro d'Italia torna nel bolognese: le modifiche alla viabilità

  • Incidente a Castenaso: bambino investito sulle strisce in via Nasica

  • Incidente in porta Sant'Isaia: donna travolta e ferita dal bus, rischia una gamba

  • Centro blindato per il comizio di Forza Nuova: scontri in via Archigìnnasio

Torna su
BolognaToday è in caricamento