Fine della querelle per l'eredità Faac, Mariangela Manini: 'Con il denaro i viaggi che non ho mai potuto fare'

Con il dissequestro dell'azienda, si chiude la lunga battaglia tra Arcidiocesi e familiari dello scomparso patron. A colloquio con Mariangela Manini: 'Non credevo che cercare di far valere i propri diritti fosse una cosa ritenuta riprovevole', ma il dentista Corneti non ci sta...

Si è definitivamente conclusa, con il provvedimento di dissequestro emesso dal giudice Maria Fiammetta Squarzoni, la lunga battaglia legale che ha visto da una parte la Chiesa Cattolica e la Faac S.p.A. e dall’altra i familiari dello scomparso Michelangelo Manini. Prima a procedere con l'impugnazione del testamento, tre giorni dopo la sua pubblicazione, la cugina di Michelangelo e poi dichiaratasi sorella, con causa di riconoscimento ancora in corso.

Ma alla fine di questa estenuante querelle, che tipo era Michelangelo Manini? "Fino a quando lo frequentavo io era molto timido, riservato, con pochissimi amici e, fin da piccolo, molto malato - dice Mariangela Manini a Bologna Today - quando avevamo circa 20 anni, io uscivo il sabato e la domenica per andare con le mie amiche alle feste o a ballare, non sono mai riuscita a portalo fuori con me. Insieme al mio fidanzato di allora (Ugo, oggi mio marito) cercavamo di portarlo nelle nostre amicizie o nelle nostre compagnie, ma lui voleva sempre rimanere solo in casa". Zio Beppe (Giuseppe Manini suo padre) e zia Gabriella (la mamma) erano molto ansiosi per questa sua solitudine. Non so poi cosa fece esattamente dopo il 1990. Quando morì zio Beppe fu molto addolorato e dopo la morte della mamma (nell’aprile del 1998) Michelangelo lo vidi raramente. So che aveva un unico grande amico forse dovreste chiedere a lui".

Cattolico Praticante? "No. Nostra nonna quando eravamo piccolini ci insegnò le classiche preghierine dei bimbi – che io ripeto ancora ogni sera – ma lui penso non sapesse neanche l’Ave Maria. Per questo, quando seppi del beneficiario, rimasi sbalordita e pensai ad un falso. Capisco un lascito ad un ospedale, ad un ente benefico, ai suoi dipendenti, ma alla Chiesa?"

Quindi? "Ognuno è libero di lasciare le sue proprietà a chi vuole lui salvo lo faccia nelle “modalità di rito”. Forse bisognerebbe rivedere questo aspetto. Nel caso di Michelangelo è talmente macroscopico il contrasto da dare adito a molti dubbi".

60 milioni di euro ai parenti, ma per l'Arcidiocesi manca ancora l'ultimo scoglio da superare: il dentista dell'imprenditore scomparso (dottor Corneti) prosegue la causa, rivendicando la validità di un testamento, secondo il quale lui sarebbe tra gli eredi. Ma proprio proprio sabato notte è stata resa pubblica una prima bozza della perizia disposta dal Tribunale sui  testamenti, che dimostrerebbe come autografi e olografi i testamenti prodotti dall’Arcidiocesi e falso quello presentato dal dott. Corneti.

Sinceramente, rifarebbe la battaglia? "Visti i risultati si, ma dal punto di vista emotivo assolutamente no. È stata una lotta durissima, non credevo che cercare di far valere i propri diritti legali, etici e familiari fosse una cosa ritenuta riprovevole. Ho vissuto con Michelangelo dalla sua nascita fino ai suoi 25 anni, mai, dico mai, l’ho visto andare in chiesa e mai, ripeto mai, ho visto in lui i segni della santità. Se avessi visto un testamento datato pochi anni dalla sua scomparsa, avrei potuto pensare a una sorta di redenzione, ma la data riportata è del 1998, lo stesso anno della morte di sua madre: quando lui aveva 38 anni a tutto pensava meno che alla Chiesa Cattolica o alle opere di bene".

Però sembra che il testamento sia vero... "Così dicono i periti e così accetto anche in virtù dell’accordo con l’Arcidiocesi".

Cosà farà dei soldi ricevuti? "Veramente per molto tempo non vedrò nulla. Bisogna finisca il processo e che il presunto testamento del Dott Corneti sia riconosciuto falso (il dentista di Manini - ndr). E ci vorrà almeno un altro anno. Dopo vorrei fare dei viaggi con mio marito nei posti in cui lui è andato per lavoro e dove io non l’ho mai potuta accompagnare per mancanza di soldi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’ultima cosa: è falso il Testamento Corneti? "Così come è vero il testamento Arcidiocesi. Non spetta me dirlo la legge e i giudici ci sono per questo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento